dalla Home

Motorsport

pubblicato il 2 ottobre 2008

Renault Mégane Trophy 2009

In pista con 360 CV e un'aerodinamica da urlo!

Renault Mégane Trophy 2009
Galleria fotografica - Renault Mégane Trophy 2009Galleria fotografica - Renault Mégane Trophy 2009
  • Renault Mégane Trophy 2009 - anteprima 1
  • Renault Mégane Trophy 2009 - anteprima 2
  • Renault Mégane Trophy 2009 - anteprima 3
  • Renault Mégane Trophy 2009 - anteprima 4
  • Renault Mégane Trophy 2009 - anteprima 5
  • Renault Mégane Trophy 2009 - anteprima 6

Davvero "cattiva" la versione 2009 della Renault Mégane Trophy appena presentata al Mondial di Parigi! Il colore oro, come sottolineato dai nostri inviati, dona ancora più grinta e mordente ad una realizzazione così esasperata ed estrema da sembrare più opera di un preparatore rampante che della stessa casa madre. In realtà ognuna delle modifiche apportate per stravolgere e velocizzare la normale Mégane sono dettate dall'uso che di questa vettura si dovrà fare, cioè correre nel prossimo campionato monomarca Mégane Trophy 2009.

La Trophy mantiene invariata la meccanica dell'attuale modello, compreso il telaio tubolare da prototipo, come da regolamento FIA, il motore centrale-posteriore V6 24V 3.5, il cambio semi-automatico con comandi al volante, le sospensioni a quadrilateri sovrapposti, le ruote da 18 pollici e le gomme Michelin. L'edizione 2009 vanta però 360 cavalli, 30 in più della versione attuale, grazie anche alla presa d'aria sul tetto che alimenta un nuovo condotto di aspirazione. L'aerodinamica è stata affinata e la nuova carrozzeria ispirata alla Mégane Coupé in materiali compositi permette di esplorare nuovi limiti in pista. Della vettura stradale rimangono solo il parabrezza e la fanaleria, mentre i designer del Renault Technocentre hanno sfruttato le ultime tecnologie di simulazione della fluidodinamica per portare ai massimi livelli l'effetto suolo della Mégane: il risultato (merito anche dello splitter frontale, dello spoiler e dell'estrattore posteriore) segna un +20% in deportanza e un -15% in fatto di resistenza aerodinamica.

Per una più attenta gestione dei costi e per migliorare l'affidabilità della vettura da corsa, la Mégane Trophy 2009 vanta intervalli di controllo e riassemblaggio di 5.500 km. Le portiere si aprono in alto e in avanti, ad "elitra" come nel mondo delle vetture GT e sport prototipo. Renault dichiara per la "Trophy" 2009 tempi sul giro paragonabili a quelli di una Porsche GT3, evidentemente un riferimento per ogni costruttore di auto sportive.

Verso fine anno, al termine delle ultime fasi di sviluppo, la nuova Mégane Trophy sarà in vendita come kit di trasformazione, che deve essere però eseguita dalla storica maison Alpine di Dieppe, in Francia.

Autore:

Tag: Motorsport , Renault , monomarca


Top