dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 2 ottobre 2008

Mazda Kiyora Concept

Il futuro oggi, al Salone di Parigi

Mazda Kiyora Concept
Galleria fotografica - Mazda Kiyora Concept Galleria fotografica - Mazda Kiyora Concept
  • Mazda Kiyora Concept  - anteprima 1
  • Mazda Kiyora Concept  - anteprima 2
  • Mazda Kiyora Concept  - anteprima 3
  • Mazda Kiyora Concept  - anteprima 4
  • Mazda Kiyora Concept  - anteprima 5
  • Mazda Kiyora Concept  - anteprima 6

Non fate caso all'aspetto futuristico, a tratti improbabile ed eccentrico. E neppure alla qualifica di Concept Car che potrebbe indurre a considerarla come una delle tante, esposte al Salone di Parigi. Per Mazda la Kiyorarappresenta molto di piu: indica la direzione che la Casa giapponese prendera' per realizzare una city car inedita, pensata per le trafficate citta' europee e probabile (nonche' temibile) avversaria della Toyota iQ, attesa sul mercato per l'inizio del prossimo anno.

Il prototipo e' innanzitutto un concetrato di tecnologia finalizzata a rendere la vettura eco-compatibile. Sotto il cofano e' previsto un motore a benzina inedito di 1.3 litri in grado di produrre appena 90 grammi di CO2 ogni 100 km percorsi. Ma Kiyora promette anche consumi bassissimi, ridotti di almeno del 30% rispetto ad una citycar oggi in commercio. Un risultato raggiunto grazie alla cosiddetta strategia del grammo che ha consentio di ridorre al minimo il peso della vettura. La Kiyora adotta per giunta una scocca in fibra di carbonio, soluzione di improbile applicazione per un auto di questo segmento.
Fra le altre peculiarita' tecniche c'e' il Sistema Intelligente di Spegnimento al Minimo (SISS) e un cambio automatico a sei velocità completamente nuovo.

Un capitolo a parte lo merita il design. Mazda lo definisce come una "trasposizione della filosofia dello 'Zoom-Zoom sostenibile', un veicolo calibrato sullo stile di vita dei giovani cittadini moderni". Kiyora ripropone di fatto alcuni stilemi della concept Nagare, ispirata al flusso dei movimenti e nei colori dell'acqua. La linea del corpo vettura e' a dir poco sinuosa tanto che la vista da profilo ricorda una goccia d'acqua. La sezione frontale è ridotta, grazie alle sue dimensioni e alla linea molto bassa del tetto. Il pianale è invece studiato in modo da ridurre al minimo i vortici d'aria, è presente uno spoiler posteriore sul tetto e le linee della carrozzeria sono scolpite, in modo da offrire una grande aerodinamicità con un coefficiente di resistenza aerodinamica nettamente inferiore, di oltre il 10 percento, rispetto a quello dell'attuale Mazda2.

Il linguaggio dell''abitacolo presenta un design morbido e linee altrettanto fluide. C'e' la caratteristica griglia a cinque punte usata per la prima volta sulla concept Mazda Sassou tre anni fa - retroilluminata quando la macchina è in moto con una luce rossa sfumata - ed ora ulteriormente sviluppata con nervature di flusso scolpite (come sulla Nagare) e ancor più tridimensionali.
L'equipaggiamento elettronico è, come si addice ad una concept, decisamente futuristico con i comandi della plancia a cristalli liquidi, mentre il bagagliaio consente di stivare una valigia, una ventiquattrore e una borsa morbida. Considerando le dimensioni super compatte della Kiyora (più corta della Mazda2), davvero niente male.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Mazda


Top