dalla Home

Novità

pubblicato il 29 settembre 2008

Nuova Honda Jazz

Motori più potenti, più comfort, più funzionalità. Da 11.500 euro

Nuova Honda Jazz
Galleria fotografica - Nuova Honda JazzGalleria fotografica - Nuova Honda Jazz
  • Nuova Honda Jazz - anteprima 1
  • Nuova Honda Jazz - anteprima 2
  • Nuova Honda Jazz - anteprima 3
  • Nuova Honda Jazz - anteprima 4
  • Nuova Honda Jazz - anteprima 5
  • Nuova Honda Jazz - anteprima 6

Dimensioni compatte e ampio spazio interno. Apparentemente un paradosso. Ancora più marcato se riferito a un'auto del segmento B. Invece sono due fondamentali caratteristiche che si oggi si richiedono a una city car, oltre che sia moderna, trendy, confortevole e con una dotazione adeguata.
La Honda Jazz rappresenta la risposta del Costruttore giapponese a tutte queste esigenze. Lanciata in Giappone nel 2001, fino a oggi è stata venduta (considerando anche la versione americana, la Fit), in 2,5 milioni di esemplari in 115 paesi. In Italia, il parco circolante conta quasi 60.000 unità. Con questo successo, il marchio nipponico si affaccia sul mercato con la prima evoluzione di uno dei suoi modelli più fortunati, migliorandone le caratteristiche di immagine, spazio e versatilità.

COMPATTA INNANZITUTTO
La nuova Jazz presenta una lunghezza di 3.900 mm, una larghezza di 1.695 e un'altezza di 1.525. L'altezza complessiva resta uguale, mentre la lunghezza è maggiore di 55 mm e la larghezza di 20. La nuova versione conserva anche lo stesso raggio totale di sterzata di 9,80 metri. Il leggero aumento della lunghezza e della larghezza, oltre al parabrezza "avanzato", creano un sensibile miglioramento nel computo dello spazio per i passeggeri. Anche la visibilità complessiva risulta migliorata per effetto dei montanti anteriori assottigliati del il parabrezza più ampio e dei cristalli laterali tre volte più ampi di quelli del modello precedente.

ABITACOLO "MAGICO"
L'ingegnosa configurazione interna della Jazz precedente, con le sue sospensioni compatte e il serbatoio montato centralmente sotto i sedili anteriori per liberare più spazio di carico, viene integralmente ripresa nella nuova edizione. Inoltre, ritroviamo gli ingegnosi sedili posteriori "magici", ora più facili da usare perché ribaltabili con un solo movimento. Quando completamente reclinati (in percentuale 60:40) non toccano i sedili anteriori nemmeno quando questi sono completamente arretrati.
Nella Modalità Utility risulta così un pavimento piatto di 1.720 mm di lunghezza, quanto basta per alloggiare tre mountain bike con le ruote anteriori montate. Nella Modalità Long, poi, lo spazio longitudinale è ancora superiore: spingendo completamente in avanti il sedile del passeggero anteriore e reclinando lo schienale si ottiene uno spazio di carico di 2,4 m di lunghezza. Infine, sollevando di nuovo i sedili posteriori, le basi rimangono agganciate agli schienali; lasciandoli in questa posizione, corrispondente alla Modalità Tall, si ottiene una seconda area di carico utile tra i sedili anteriori e posteriori, in grado di accogliere oggetti di altezza fino a 1280 mm.
L'intelligente configurazione dei sedili si abbina al vano bagagli flessibile. Di serie nelle versioni 1.4 equipaggiate con kit di riparazione degli pneumatici, il bagagliaio a doppio livello dispone di un vano di carico nascosto sotto il normale piano di carico, profondo 23 cm e con una capacità di 64 litri. Purtroppo, però, può rappresentare un problema nel caso in cui si voglia installare un impianto GPL o metano in quanto non sono presenti punti di ancoraggio del serbatoio.

L'ALLESTIMENTO
La plancia della nuova Jazz ha uno stile più moderno, giovane, frizzante. A lato della strumentazione, la parte centrale della plancia ospita in una configurazione "a tutto campo" i comandi dell'impianto audio (altrimenti, si può montare il grande schermo da 7" del sistema multimediale e navigazione satellitare). Più a sinistra, i comandi della climatizzazione con un curioso grande oblò inferiore che indica la temperatura impostata. Sulla Jazz 1.4 versione top di gamma è presente un grande tetto panoramico in cristallo dotato di tendina parasole elettrica.
Di serie: la Jazz 1.2 è equipaggiata con ABS con ripartitore elettronico della forza frenante (EBD) e di funzione brake assist (HBA), 6 airbag, chiusura centralizzata, servosterzo elettrico, poggiatesta anteriori attivi, vetri elettrici anteriori, specchi elettrici. Sulla 1.2 Elegance, inoltre, sono aggiunti il climatizzatore manuale e il lettore CD.
Tra gli accessori presenti nelle versioni più equipaggiate figurano il sistema di controllo della stabilità VSA (Vehicle Stability Assist, di serie sulla Jazz 1.4), il riscaldamento dei sedili anteriori, volante e pomello della leva del cambio rivestiti in pelle, braccioli per i sedili anteriori e posteriori, cruise control, specchi esterni riscaldabili e ripiegabili, fari e tergicristalli automatici, interfaccia bluetooth con vivavoce, sensori di parcheggio, hard disk da 30Gb.

SOLO A BENZINA
La nuova gamma è motorizzata con propulsori a benzina i-VTEC a quattro valvole di nuova concezione, da 1,2 o 1,4 litri. Con una cilindrata di 1.198 cc il nuovo motore 1.2 eroga 90 CV a 6.000 giri (contro i 78 del modello precedente); la coppia massima sale da 110 a 114 Nm a 4900 giri. Il nuovo 1.4 ha la stessa cilindrata effettiva (1.339 cc) del precedente motore ma la potenza cresce da 83 a 100 CV. La coppia è pari a 127 Nm a 4.800 giri.
Entrambi i motori sono caratterizzati da distribuzione con sistema di fasatura variabile I-VTEC delle 16 valvole e acceleratore elettronico drive-by-wire. Al propulsore si abbina un cambio a cinque marce leggermente migliorato: offre una migliore precisione di innesto e riduzione degli attriti per produrre un leggero miglioramento dei consumi e un passaggio più confortevole tra una marcia e l'altra. Sulla strumentazione è presente la spia indicatrice di cambio marcia (SIL) collocata al centro del contagiri. Essa ha il compito di suggerire al pilota il punto più "economico" per cambiare rapporto.
La versione 1.4, a richiesta, può essere equipaggiata con il cambio robotizzato a 6 marce i-SHIFT che sostituisce il precedente automatico CVT a 7 marce. La scelta si spiega con l'intenzione di ridurre il consumo di carburante. Il cambio i-SHIFT è progettato per adattarsi alle diverse condizioni di guida tramite una serie di mappature. Infine, questa trasmissione si integra con il sistema di assistenza alle partenze in salita (HSA).
Il costruttore dichiara, per la Honda Jazz 1.2, una velocità massima di 177 km/h, accelerazione da 0 a 100 in 12"6. Per la 1.4 la velocità massima è pari a 182 km/h (180 la versione con cambio i-SHIFT) e lo scatto da 0 a 100 in 11"4 (13" con cambio i-SHIFT).

QUANTO COSTA
Il listino parte dagli 11.500 euro della Jazz 1.2 nell'allestimento base, Per la Elegance si arriva invece a 13.950. Le versioni 1.4 partono invece dai 14.950 della Elegance e arrivano fino ai 17.050 della Exclusive.

AL VOLANTE
Per una prima analisi sulle caratteristiche di guida della piccola MPV Honda scegliamo la versione con motore 1.4 equipaggiata con trasmissione i-SHIFT a 6 marce. La prova ha riguardato le più classiche situazioni della guida moderna: città, autostrada, misto veloce.
Città: nel traffico si apprezza la maneggevolezza. La Jazz sfrutta le dimensioni compatte per muoversi agilmente complici le buone caratteristiche dello sterzo (preciso e leggero), l'ergonomia e la disposizione razionale dei comandi (la plancia, molto ampia, ha leve e pulsanti surdimensionati e molto distanziati); il navigatore satellitare montato sulla sommità della strumentazione, a "ore 1" rispetto alla corona del volante (c'è anche la versione "mega screen" al centro della plancia al posto dei comandi dell'impianto audio), consente una rapida consultazione senza pregiudicare la vista della strada; di contro, però, lo schermo è un po' piccolo e, di conseguenza, è necessario prestare attenzione molto spesso per capire la direzione giusta del percorso scelto. Il cambio robotizzato è un po' lento negli innesti così da creare un certo qual "ritardo" nell'erogazione.
Il costruttore dichiara che la minor complessità del robotizzato offre un evidente guadagno in termini di costi e consumo. Tuttavia è indubbio che il "vecchio" automatico CVT a 7 marce montato sulla precedente generazione della Jazz fosse più divertente, confortevole e rapido. Naturalmente si può cambiare anche utilizzando la leva centrale, configurata con un layout stile "Smart": folle a sinistra, marcia al centro (si sale di rapporto spingendo, si scala tirando; layout poco intuitivo), retromarcia a destra e indietro. La modularità della parte posteriore dell'abitacolo è stupefacente: poche, comode e veloci mosse creano varie configurazioni per gli usi e le esigenze più differenti. Davvero un mirabile contributo alla praticità e alla versatilità.
Autostrada: il comfort di marcia a 130/140 orari è perfetto: la Jazz è rassicurante e silenziosa; assorbe egregiamente le tipiche irregolarità del fondo stradale, particolarmente evidenti su questo tipo di percorso e potenzialmente dannose per il comfort di bordo. La posizione di guida, studiata a puntino, consente di mantenere una posizione comoda anche durante le lunghe distanze.
Misto veloce: la Jazz riesce anche a essere divertente. Lo sterzo è preciso anche nelle curve a corto raggio e il rollio molto contenuto. La tenuta di strada, merito anche dei cerchi in lega da 16 pollici con pneumatici ribassati, aiuta non poco regalando una piacevole sensazione di garbata sportività. Peccato che il piccolo 4 cilindri 1.5, con un arco di erogazione ampio, riesca a esibire un certo carattere solo oltre i 5.000 giri e, preferibilmente, non in forte salita altrimenti l'auto fa un po' di fatica obbligando di conseguenza a utilizzare soprattutto seconda e terza marcia. Di contro, le levette poste dietro le razze del volante forniscono un grande vantaggio in termini di sicurezza grazie al fatto che le mani sono sempre saldamente ancorate.

Scheda Versione

Honda Jazz
Nome
Jazz
Anno
2008 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Novità , Honda


Listino Honda Jazz

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 S anteriore benzina 90 1.2 5 € 12.800

LISTINO

1.2 Trend anteriore benzina 90 1.2 5 € 14.100

LISTINO

1.4 Appeal anteriore benzina 100 1.3 5 € 16.250

LISTINO

1.4 Si anteriore benzina 100 1.3 5 € 17.100

LISTINO

1.4 Appeal CVT anteriore benzina 100 1.3 5 € 17.600

LISTINO

1.4 Si CVT anteriore benzina 100 1.3 5 € 18.450

LISTINO

 

Top