dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 18 settembre 2008

Ecco i distributori plug-in che "parlano" con l'auto

Grazie al sistema PLC la vettura "comunica" e si ricarica

Ecco i distributori plug-in che "parlano" con l'auto
Galleria fotografica - Toyota Prius “plug in”Galleria fotografica - Toyota Prius “plug in”
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 1
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 2
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 3
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 4
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 5
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 6

Non può esistere una vera mobilità eco-sostenibile senza delle adeguate strutture che ne supportino la diffusione. Lo sanno bene in Gran Bretagna dove, parallelamente alla sperimentazione di veicoli "plug-in" (ovvero, auto ibride/elettriche ricaricabili tramite la rete elettrica quando collegate ad apposite spine), continua incessante l'installazione di speciali "distributori di elettricità" idonei a ricaricarne le batterie.

La prima società inglese che ha creduto nell'innovazione del "plug-in" è la Elektromotive la quale, a partire dagli impianti londinesi siti a Covent Garden, dal dicembre del 2006 continua la diffusione di questi speciali distributori. La rete di stazioni Elektrobay, ad oggi, conta ben 68 impianti, di cui molti presenti in numerosi quartieri della metropoli inglese - Camden, Sutton, Richmond, Hammersmith, Fulham, Islington, Wandsworth e Westminster City Council - e, secondo il Direttore Tecnico di Elektromotive Limited, Greg Simmons, entro breve le stazioni di rifornimento Elektrobay saranno molte di più. "L'obiettivo del progetto - aggiunge Simmons - è quello di far letteralmente 'colloquiare' l'automobile con queste stazioni, rendendo l'operazione di rifornimento semplice, veloce e utile per aumentare l'autonomia del veicolo".

Inoltre, grazie ad un sistema integrato denominato Power Line Communications (PLC), durante le fasi di rifornimento, collegando l'apposita spina alla presa di corrente della vettura, il PLC potrà scambiare con la centrale sia dati (come autonomia rimanente delle batterie, usura delle stesse, stato della manutenzione, check-control dei sistemi) che energia con l'auto, via cavo, ed in maniera totalmente sicura e rapida.

La sperimentazione di queste stazioni - in stretta collaborazione con la francese EDF, partner di Elektromotive - proseguirà nei prossimi mesi e, considerando gli ottimi risultati raggiunti fino ad ora, è auspicabile che ben presto la Toyota Plug-in-Hybrid avrà un seguito nella produzione di serie.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Toyota , mobilità sostenibile , auto elettrica , statistiche


Top