dalla Home

Curiosità

pubblicato il 18 settembre 2008

Imola Mostra Scambio 2008: "a tutto Fiat"

La Casa torinese domina il mercatino sul circuito romagnolo

Imola Mostra Scambio 2008: "a tutto Fiat"
Galleria fotografica - Imola Mostra Scambio 2008: "a tutto Fiat"Galleria fotografica - Imola Mostra Scambio 2008: "a tutto Fiat"
  • Imola Mostra Scambio 2008: \
  • Imola Mostra Scambio 2008: \
  • Imola Mostra Scambio 2008: \
  • Imola Mostra Scambio 2008: \
  • Imola Mostra Scambio 2008: \
  • Imola Mostra Scambio 2008: \

Imola Mostra Scambio è un appuntamento imperdibile per chi vuole comprare, vendere o scambiare auto, moto, bici o qualsiasi parte staccata di queste ultime, ma forse mai come nell'edizione 2008 i visitatori hanno potuto fare una tale "indigestione Fiat". A cominciare dal rettilineo di partenza, sovraffollato di vetture del Marchio torinese in vendita, quasi tutti i 4.933 metri del circuito vedono sparso sull'asfalto o raccolto ordinatamente in una bancarella, parti di ricambio e accessori Fiat.

Un'autentica orgia di parafanghi grezzi, cofani motore, basamenti motore, guarnizioni, testate, cruscotti, sedili, tappetini e gadget Fiat circonda coloro che si aggirano decisi o spaesati fra i banchetti espositivi, in un dedalo che alterna minacciosa ruggine a splendenti cromature, nera morchia al rosso dei fanalini catarifrangenti.

Gli stemmi Fiat sulle calandre delle auto esposte raccontano la storia della motorizzazione italiana, dagli anni Trenta fino all'altro ieri, quando comprare Fiat era la cosa più normale, pratica, logica ed economica. Decine di Fiat Nuova 500 richiamano l'attenzione dei potenziali acquirenti, travestite da Abarth, Giannini o con qualche accessorio aftermarket particolarmente sfizioso; qualche altro "cinquino" si presenta devastato dalla ruggine passante, quasi come un bastardino pulcioso dallo sguardo languido che in un canile cerca gli occhi di chi lo può salvare.

Fiat 508, 1100, 1500, 600, 750 (anche carrozzata Vignale), 850 (compresa la familiare e una curiosa "trasformabile" arancione), 850 Coupé, 128, 124 berlina e coupé e le ancor poco richieste 127 si mostrano fianco a fianco a una Bertone Cabrio Palinuro che visto tempi migliori, una Abarth 595 su cui piovono ipotesi di replica e una rara 128 Moretti Coupé in livrea bianca.

Sono manifestazioni come questa del CRAME che ci ricordano, se ce ne fosse bisogno, quanta della nostra storia e del nostro patrimonio automobilistico sia legato strettamente alle sorti della Casa torinese, negli anni amata, odiata, snobbata o ignorata dagli italici automobilisti; checché se ne pensi Fiat e le sue creature rimangono un elemento importante del nostro passato industriale, riconosciuta e apprezzata anche dagli stranieri che "fanno la spesa" in questi mega negozi a cielo aperto.

Autore:

Tag: Curiosità , Fiat


Top