dalla Home

Novità

pubblicato il 6 aprile 2009

Toyota Urban Cruiser

Arriva il crossover cittadino anche 4x4. Prezzi da 17 mila euro.

Toyota Urban Cruiser
Galleria fotografica - Toyota Urban CruiserGalleria fotografica - Toyota Urban Cruiser
  • Toyota Urban Cruiser - anteprima 1
  • Toyota Urban Cruiser - anteprima 2
  • Toyota Urban Cruiser - anteprima 3
  • Toyota Urban Cruiser - anteprima 4
  • Toyota Urban Cruiser - anteprima 5
  • Toyota Urban Cruiser - anteprima 6

Le dimensioni sono quelle di una comune utilitaria, ma a vederla da fuori con quelle sue linee massicce l'impressione e di trovarsi davanti a un SUV in scala ridotta. E allora ti chiedi se questa nuova Toyota è una delle tante auto che gioca a fare il 4x4 e scopri, leggendo la scheda tecnica, che può avere la trazione integrale con tanto di bloccaggio del differenziale. Sotto al cofano invece ci sono due piccoli motori di 1,4 litri dotati di tutte le tecnologie possibili per contenere consumi ed emissioni inquinanti. Capisci a questo punto che sei di fronte ad uno dei sempre più frequenti incroci di generi automobilistici (multispazio, citycar, SUV), il cosiddetto "crossover" e forse il suo nome è la cosa che meglio lo definisce: "Urban Cruiser".

ROBUSTA DA VEDERE
La linea è una delle caratteristiche salienti della nuova piccola firmata Toyota. L'obiettivo dei designer giapponesi era quello di conferire ad un auto di segmento B compatta e maneggevole nela guida cittadina (è lunga 3,93 metri, larga 1,72 ed alta 1,52), un aspetto robusto e a tratti muscoloso, vuoi per rendere la vettura più funzionale nell'uso cittadino (paraurti e passaruota sono in plastica grezza per resistere agli urti da parcheggio), vuoi perché il look "fuoristradistico" piace molto agli automobilisti europei. L'impressione di solidità c'è tutta ed è abbinata ad una buona dose di ricercatezza stilistica che non fa passare inosservati.

CAPIENTE DENTRO
Le dimensioni particolarmente compatte della Urban Cruiser non hanno impedito ai progettisti Toyota di massimizzare lo spazio per l'abitacolo, a cominciare dal passo di 2,6 metri, che garantisce una buona abitabilità sia per chi siede davanti che dietro. Il divano posteriore va bene per due adulti ed un bimbo, e lo spazio per le gambe viene compromesso solo se la statura degli occupanti dei sedili anteriori dovesse essere superiore alla media.
L'impostazione della plancia è moderna e gradevole in termini di finiture per plastiche e rivestimenti e la stessa Toyota ci tiene a precisare che la progettazione è stata firmata dallo Studio Europeo di Design ED per meglio interpretare i gusti della clientela occidentale.
Da segnalare la presenza di numerosi vani per lo stivaggio di piccoli oggetti, come tasche, cassetti portaoggetti e vani per lattine o bottiglie. La capacità del bagagliaio è leggermente diversa in base alla versione con o senza trazione integrale; rispettivamente: 305 litri e 314 litri che diventano 673 e 749 litri abbattendo il sedili posteriore. La ruota di scorta è in dotazione solo delle versioni a 2 ruote motrici mentre la 4x4 dispone del classico kit di riparazione d'emergenza.

I MOTORI
Dopo l'iQ la Urban Cruiser è il secondo nuovo modello Toyota progettato nel segno dell'Optimal Drive, una filosofia che mira a incrementare prestazioni, piacere di guida dell'auto riducendo al contempo consumi ed emissioni inquinanti. Ciò si traduce innanzitutto nell'adozione di due moderne unità propulsive, un benzina da 1,3 litri I VV T-i Stop&Start 16 valvole ed un rinnovato 1,4 litri turbodiesel 8 valvole con DPF di serie. Il primo dispone di 101 CV a 6.000 giri/min per una coppia di 132 Nm a 3.800 giri mentre l'unità a gasolio eroga 90 CV a 3.800 giri con una coppia di 205 Nm sviluppata tra i 1.800 ed i 2.800 giri/minuto. Entrambe le versioni montano un servosterzo elettrico, cambio a 6 marce, freni a disco, autoventilati gli anteriori, sulle 4 ruote le misure dei cerchi in acciaio ed in lega - 16 pollici con pneumatici 195/60 R16 - sono identiche per tutte le versioni. La velocità massima - 175 km/h - è identica per le due motorizzazioni mentre il classico 0-100 km/h fa registrare 12,5" per la versione a benzina e 11,7 per quelle a gasolio. I consumi del benzina e del diesel a 2 ruote motrici vengono dichiarati - urbano, extraurbano e misto - rispettivamente in 6,6 / 4,9 / 5,5 lt/100km e 5,3 / 4 / 4,5 lt/100km; aumentano leggermente nella 1,4 turbodiesel a trazione integrale: 5,8 / 4,4 / 4,9 lt/100 km; la capacità del serbatoio - 42 litri - garantisce comunque una buona autonomia.
Le emissioni di CO2 (tutte le versioni sono Euro 4) sono, nel ciclo misto, di 129 e 118 gr\km rispettivamente per il benzina e per il diesel a due ruote motrici mentre nella versione diesel a trazione integrale salgono a 130 g/km, valore che comunque pone l'Urban Cruiser al primo posto - a livello mondiale - per minor il livello di emissioni nella categoria delle trazioni integrali e, in Italia, gli permette di usufruire, come per il benzina, dell'incentivo di 1.500 euro.

LA SICUREZZA
La dotazione è completa per tutte le versioni tanto di sistemi di sicurezza attiva (ABS con EBD e BA nonché TRC e VSC) che passiva come i 7 airbag, le cinture con pretensionatore ed i sedili anteriori con poggiatesta attivi. L'Uban Cruiser AWD ha il plus della trazione 4x4 che trasferisce la coppia sull'asse posteriore, fino al 50%, in caso di perdita di aderenza. Il tutto è monitorato da una centralina elettronica posta davanti al differenziale posteriore che riceve, mediante specifici sensori, lo stato di aderenza di ogni singola ruota. Il differenziale si può bloccare manualmente, ma si disinnesta oltre i 40 km/h di velocità.

AL VOLANTE
Una volta regolati sedile e volante, anche gli alti trovano tutti i comandi naturalmente a portata di mano (e di piedi) e l'impressione, ancora prima di premere lo start, è di immediata confidenza. Agile e maneggevole, l'Urban Cruiser si fa guidare con grande disinvoltura e può indurre ad una condotta di guida sbarazzina non sempre assecondata da motorizzazioni che si rivelano in linea con la vocazione cittadina del veicolo, ma forse sottotono rispetto alle potenzialità stradali del veicolo. Questo "appunto" va in realtà letto come un plauso alle notevoli qualità dinamiche della Urban Cruiser , "assaggiate" su deserti percorsi extraurbani della costa portoghese comprendenti lunghi tratti in discesa assai guidati, che minimizzavano l'apporto del motore evidenziando viceversa doti dinamiche - in termini di frenata, iscrizione in curva e tenuta laterale - veramente rimarchevoli.
Fra i due motori la nostra preferenza va senza ombra di dubbio al diesel, assai più fruibile, elastico e godibile; per quanto l'unità a benzina vanti una potenza superiore di 10 cavalli, la coppia del diesel - quasi doppia - spinge infatti sempre vigorosamente e consente di ricorrere meno all'uso del cambio. A tutto vantaggio del confort di marcia e dei consumi di carburante.

LA GAMMA E I PREZZI
I prezzi della nuova Toyota Urban Cruiser, ancora indicativi, vanno dai 17.000 euro della versione benzina a due ruote motrici ai circa 20.000 euro della 1.400 cc diesel a trazione integrale. I livelli di allestimento sono tre, Terra, Luna e Sol, mentre la trazione integrale è disponibile solo sulla versione diesel. Tutte le versioni sono equipaggiate con Radio-CD a sei altoparlanti compatibile con MP3, mentre la connessione AUX-in ed il Bluetooth sono disponibili sulle sole versioni Luna e Sol; il navigatore, non disponibile sulla versione base, è optional sulla versione Luna e standard su quella Sol.
Il lancio commercial è previsto per questo mese, ma fino a settembre sarà disponibile soltanto la versione con motore diesel D-4D.

Scheda Versione

Toyota Urban Cruiser
Nome
Urban Cruiser
Anno
2009 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Novità , Toyota


Top