dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 11 settembre 2008

Estate 2008: meno incidenti e traffico, ma più vittime

"Fatali" i week-end. Migliora la Salerno-Reggio Calabria

Estate 2008: meno incidenti e traffico, ma più vittime

L'estate 2008 sarà ricordata come quella in cui ci sono stati meno incidenti, meno traffico (persino sulla "temibile" Salerno-Reggio Calabria), più viaggiatori informati... ma anche più vittime nei week end.

Dati alla mano, in base alle rilevazioni della Polizia Stradale, nel bimestre luglio-agosto si sono verificati sull'intera rete nazionale (circa 30 mila km) 22.366 incidenti, ovvero 2.131 in meno rispetto al 2007 (-8,5%), mentre quelli mortali sono diminuiti del 6,5%. Nello stesso periodo i flussi di traffico sono stati inferiori con una media nazionale del -2/3% e punte del -10/15 % in alcune tratte autostradali. Meno confortanti invece i dati relativi ai soli week end, perchè in questo caso il bilancio è stato tragico: 505 sono le persone che sono rimaste uccise nei 14 fine settimana considerati (dal 1 giugno al 31 agosto), ovvero 7 in più del 2007.

A ridurre il traffico e a favorire la diminuzione complessiva del tasso di incidentalità, secondo il presidente dell'Anas Pietro Ciucci - intervenuto alla conferenza stampa sul Bilancio dell'Esodo estivo 2008 - sarebbero state tre cause: "la maturità dimostrata dagli utenti; la forte riduzione dei cantieri sulla rete e l'impegno coordinato ed efficace di tutti i soggetti coinvolti nel piano dell'esodo; il fenomeno del caro petrolio, che ha cambiato alcune abitudini, riducendo il pendolarismo e in alcuni casi spingendo i vacanzieri ad un maggior utilizzo di modalità di viaggio alternative". Degno di una nota a parte il miglioramento riscontrato sull'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria rispetto agli anni scorsi.

IL BOOM DEI VIAGGIATORI-INFORMATI
Quest'anno in molti hanno scelto di informarsi prima di partire. Internet e telefono sono stati i mezzi preferiti, che hanno riscosso un vero e proprio successo. Dal 10 giugno al primo settembre i contatti al sito stradeanas.it sono più che triplicati, superando abbondantemente i 2 milioni di navigatori, di cui circa la metà ha visitato le pagine relative all'esodo e alla viabilità. Anche il numero verde 1518 del Cciss Viaggiare Informati è stato molto utilizzato. Solo ad agosto ha evaso oltre 100 mila telefonate.
Un forte incremento di contatti lo ha fatto registrare anche il numero verde Anas della A3 Salerno-Reggio Calabria (800.290.092), che nel periodo estivo (dal 29 giugno al primo settembre) ha avuto una crescita del 124%, con 94.301 telefonate complessive. Ad agosto la crescita dei contatti è stata addirittura del 158%, con 82.530 richieste (furono 32.044 nel 2007), e il giorno di picco, con 8.860 telefonate, è stato sabato 9 agosto (nel 2007 la giornata di picco registrò 2.873 contatti).
Il 58,1% delle telefonate ha chiesto informazioni aggiornate sul traffico e sulle code; il 22,1% previsioni e consigli su partenze intelligenti; il 5,9% per percorsi alternativi. Il 94,5% delle telefonate ha ricevuto risposta dall'operatore entro 20 secondi. Le Sale Operative dell'Anas hanno gestito una media di 340 interventi al giorno (complessivamente 10.200 interventi) e, in particolare, sulla A3, sono stati effettuati 2.420 interventi di soccorso meccanico.

I CANTIERI
Durante il periodo dell'esodo e controesodo, su tutta la rete stradale e autostradale italiana, pari ad oltre 30 mila chilometri, i cantieri inamovibili presenti sono stati solo 166: 66 sulla rete autostradale in concessione (5.695 km) e 92 sulla rete Anas (circa 25.420 km, lo scorso anno erano stati 283), più 8 cantieri (di cui 5 con carreggiata unica) sulla A3 Salerno-Reggio Calabria.

I PICCHI DI TRAFFICO
Le giornate più calde da questo punto di vista sono state il 2 e il 9 agosto per l'esodo e il 16 e il 24 agosto per il controesodo.
Ad essere più trafficate sono state l'A1 Milano-Napoli; l'A14 Bologna-Taranto; la A3 Napoli-Salerno-Reggio Calabria (in particolare il nodo di Lagonegro); il nodo bolognese (A14 dall'allacciamento con A1 e Bologna S. Lazzaro) e fiorentino (da Barberino a Firenze sud); il tratto dell'A14 compreso tra Bologna San Lazzaro ed Ancona; la A4 Venezia-Trieste; la A22 del Brennero.

LA SALERNO-REGGIO CALABRIA
Merita una nota a parte l'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, dove l'Anas ha registrato una riduzione del traffico pari al 12% (la giornata record è stata sabato 9 agosto, quando sono transitate verso sud 61.745 autovetture) ed ha constatato un tasso di incidentalità addirittura più basso della media nazionale. I dati "smentiscono il luogo comune secondo cui la A3 è un'autostrada pericolosa", ha detto Ciucci.
Quest'anno non si sono verificati incidenti mortali, mentre nel 2007 ne sono stati registrati 3 e vi è stato un miglioramento di tutti i parametri: -36% gli incidenti totali (da 219 del 2007 a 141 del 2008); -41% il numero delle vetture coinvolte (da 325 a 192); -5% il numero dei feriti (da 65 a 62). Dei 141 incidenti avvenuti, il 39,5% ha avuto una causa autonoma, il 32% è stato per tamponamento, il 18% per investimento/collisione e il resto per altre cause.
Anche il tempo medio di percorrenza dell'intera autostrada A3 - lunga 443 km - è migliorato: attestatosi su 5 ore e 51 minuti contro il tempo medio dell'anno scorso pari a 6 ore e 14 minuti (nel 2006 era di 7 ore e 30). Cresciuta di conseguenza anche la velocità media, passata a 75 km/h contro i 71 km/h del 2007 e i 59 km/h del 2006.

Autore:

Tag: Attualità , incidenti , sicurezza stradale


Top