dalla Home

Mercato

pubblicato il 29 agosto 2008

Dodge vuole cedere il marchio Viper

Chrysler sta valutando se rinunciare alla sua supercar

Dodge vuole cedere il marchio Viper

L'aria della crisi sembra aver investito anche Auburn Hills, dove Chrysler ha da poche ore annunciato di voler "esplorare opzioni strategiche" per uno dei suoi prodotti di punta, la Dodge Viper. Nel fumoso linguaggio finanziario questa dichiarazione si traduce nella possibilità di vendere i diritti di produzione della supercar che ha un ruolo fondamentale nell'immagine del marchio Dodge, ma non altrettanto nei bilanci.

Con un record di 2.103 esemplari nel 2003 la sportiva americana è infatti un lusso che il gruppo americano fa fatica a portare avanti, per cui il management ha incaricato i consulenti finanziari newyorkesi della Lazard Ltd. di esplorare alternative alla attuale costruzione in proprio, che avviene artigianalmente con 110 addetti presso lo stabilimento di Conner Avenue a Detroit.

La cessione del marchio Viper rappresenterebbe una possibilità abbastanza concreta, secondo quanto dichiarato dallo stesso numero uno Bob Nardelli: "Siamo stati contattati da terze parti che sono interessate a trovare possibilità future per la Viper. Mentre la compagnia sta valutando alcune operazioni strategiche per massimizzare il business principale e consolidare il proprio patrimonio, abbiamo acconsentito ad ascoltare queste richieste. Lo faremo tenendo in mente gli interessi di coloro che ci hanno dimostrato enorme supporto per questa vettura, inclusi lavoratori, fornitori, venditori e un gruppo di fedeli possessori ed appassionati della Viper di tutto il mondo. Siccome questa è una revisione strategica, il nostro intento è quello di offrire un forte supporto operativo e finanziario ad ogni potenziale transazione, in modo da assicurare un futuro alla Viper e perpetuare la dinastia di questa grande auto".

Ad ogni modo a Detroit stanno già lavorando al model year 2009, per cui se la Viper verrà ceduta o accantonata si saprà almeno fra un anno, infatti non è stata stabilita alcuna tempistica per l'operazione. In suo sfavore vi è però l'introduzione nel 2009 dei nuovi modelli Journey, Durango Hybrid, Ram e soprattutto Challenger, sulla quale si sposterebbero gli interessi della clientela più sportiva del marchio.

Autore:

Tag: Mercato , Chrysler


Top