dalla Home

Tecnica

pubblicato il 28 agosto 2008

Crash Test Renault Koleos

Subito 5 stelle EuroNCAP per il SUV transalpino

Crash Test Renault Koleos
Galleria fotografica - Crash Test Renault KoleosGalleria fotografica - Crash Test Renault Koleos
  • Crash Test Renault Koleos - anteprima 1
  • Crash Test Renault Koleos - anteprima 2
  • Crash Test Renault Koleos - anteprima 3
  • Crash Test Renault Koleos - anteprima 4

La Renault Koleos ha il difficile compito di dare credibilità alla casa francese in un segmento, quello delle crossover e delle 4x4, decisamente nuovo per la "Régie". Una delle prime soddisfazioni in questo senso arriva certamente dalle 5 stelle che l'EuroNCAP ha attribuito al livello di protezione offerto ai passeggeri della Koleos, risultato che la pone già alla pari con dirette concorrenti come Ford Kuga, Land Rover Freelander e Volkswagen Tiguan. Buona anche la prestazione relativa alla protezione dei bambini, con 4 stelle, mentre le 2 stelle nella salvaguardia dei pedoni possono essere considerate solo discrete contro le 3 di altre fuoristrada medio-piccole. La vettura utilizzata nei crash test è una Koleos Dynamique 2.0l DCI.

PROTEZIONE PASSEGGERI
Le 5 stelle EuroNCAP derivano soprattutto dall'assenza di pericolose deformazioni dell'abitacolo e della zona piedi, nonostante la colonna dello sterzo rimanga un fattore di rischio per il femore di chi siede al volante. Altro fattore di rischio è rappresentato dal vano portaoggetti e dalla parte inferiore della plancia, potenzialmente pericolosa per le gambe del passeggero.

PROTEZIONE BAMBINI
Come ormai consuetudine sulle vetture moderne, l'airbag lato passeggero può essere disattivato per ospitare un bambino con seggiolino girato all'indietro, ma nonostante la presenza di una chiara targhetta esplicativa al riguardo, manca comunque una segnalazione riguardo lo stato del suddetto airbag. Anche la zona dove sono localizzati gli attacchi ISOFIX nei due sedili posteriori più esterni è chiaramente indicata.

PROTEZIONE PEDONI
I bordi del cofano anteriore hanno dimostrato un basso livello di protezione nei confronti delle gambe di eventuali pedoni investiti, così come la parte superiore del cofano per la testa di un adulto o di un bambino.

Autore:

Tag: Tecnica , Renault , crash test


Top