dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 agosto 2008

Il Gruppo PSA guarda alla Cina

Presto al debutto tre inedite berline prodotte in oriente

Il Gruppo PSA guarda alla Cina

Peugeot sembrerebbe lontana dal suo ambizioso traguardo di vendita fissato attorno ai 4 milioni di unità entro la fine dell'anno, ma il capo esecutivo Jean-Philippe Collin ha già pronto un piano per non fallire l'obiettivo. Parola chiave "espansione".

Due le direzioni imposte dalla sua nuova strategia: da un lato Peugeot svilupperà modelli in segmenti fino ad oggi inediti per il Leone, dall'altro espanderà la sua leadership nei mercati emergenti insieme a Citroen. Già in aprile, Jean-Louis Chamla, vice presidente e responsabile del settore vendite e marketing della Citroen, aveva rivelato che "la società svilupperà auto di medie dimensioni in Cina nel giro di pochi anni" e oggi, come rivela Automotive news, la PSA Peugeot Citroen annuncia che, oltre la C-Triomphe, saranno prodotte tre berline medie nella Repubblica Popolare cinese.

Si tratta della 407, della 408 e della C5, tre vetture che, secondo alcuni analisti industriali, condivideranno la medesima piattaforma. La berlina Citroen C5 sarà lanciata in Cina nel 2009 e verrà costruita in una fabbrica sviluppata con la Dongfeng Peugeot Citroen. Nello stesso periodo partirà la produzione della Peugeot 407, mentre l'avvio della Peugeot 408 è atteso per gennaio 2011.

Autore:

Tag: Mercato , Peugeot , cina


Top