dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 26 agosto 2008

Nuova Renault Safrane

La berlina francese rinasce grazie a Samsung-Nissan, ma solo per i mercati dell'Est

Nuova Renault Safrane
Galleria fotografica - Nuova Renault SafraneGalleria fotografica - Nuova Renault Safrane
  • Nuova Renault Safrane - anteprima 1
  • Nuova Renault Safrane - anteprima 2
  • Nuova Renault Safrane - anteprima 3
  • Nuova Renault Safrane - anteprima 4
  • Nuova Renault Safrane - anteprima 5
  • Nuova Renault Safrane - anteprima 6

Non si placa la ventata di novità in Casa Renault, con particolare riguardo alle proposte per i cosiddetti "mercati emergenti". Dopo la Symbol e la Sandero Stepway, è ora la volta di una grande berlina a tre volumi, che rispolvera un nome noto anche agli automobilisti europei: Renault Safrane.

La Safrane, erede della precedente Renault 25, rappresentava il tipico esempio di "ammiraglie non premium", caratterizzate dalla praticità delle 5 porte, dall'elevato confort e da prestazioni da grandi "stradiste", ma con costi inferiori rispetto a prodotti di altri marchi più blasonati di pari dimensioni. Le idee della precedente Safrane furono trasferite nel 2000 sull'attuale Vel Satis, la cui linea anticonvenzionale non è stata troppo apprezzata nei mercati al di fuori della Francia, pur essendo una vettura con diversi pregi, soprattutto in termini di comodità e di sfruttamento degli spazi.

Con questa Safrane, Renault sembra voler fare un passo indietro, riproponendo una formula più tradizionale per la carrozzeria; per chiarire la situazione reale, sono tuttavia necessarie due precisazioni.
La prima è che, secondo i piani "globali" avviati da qualche tempo dal "patron" di Renault Nissan, Carlos Ghosn, la vettura altro non è che la già nota Samsung SM5, presentata nel 2007 e giunta ora al MY 2009, a sua volta basata su una piattaforma in comune con alcune berline Nissan (la Teana e, per gli USA, la Maxima): alcune delle foto ufficiali della nuova Safrane sono addirittura quelle della corrispondente SM5, "rimarchiate" mediante un fotoritocco.
La seconda precisazione riguarda il mercato nel quale questa Safrane verrà proposta: al momento, infatti, non sembra essere destinata alla vendita in Europa, ma solo in alcuni paesi dell'Est, dove è presente il marchio Renault; verrà infatti prodotta insieme alla SM5 negli stabilimenti di Busan (Corea del Sud) della Samsung, società appartenente a Renault per l'80.1%. La nuova Safrane monterà al momento un motore V6 2,3 litri, con cambio automatico a 5 marce, e avrà trazione anteriore.

Resta però un dubbio: poiché già un'altra vettura prodotta da Samsung - sebbene con alcune modifiche - è arrivata in Europa (la Renault Koleos, derivata dalla Samsung QMX), questa Safrane potrebbe diventare la base per l'erede della "occidentale" Vel Satis?

Autore: Sergio Chierici

Tag: Anticipazioni , Renault


Top