dalla Home

Curiosità

pubblicato il 25 agosto 2008

L'autostop da oggi si fa in rete

E' italiano il primo sito che unisce chi offre e chi cerca "passaggi"

L'autostop da oggi si fa in rete

Uno dei simboli di un'era, di un modo di viaggiare e spostarsi alternativo e improvvisato va definitivamente in pensione. L'autostop, ora, si fa on-line grazie al nuovo sito Roadsharing.com. L'idea nasce dalla webdev.it, una webagency fiorentina costituita da un gruppo di programmatori che da tempo studiano il settore dei trasporti, unitamente alle dinamiche sociali e ambientali che ne derivano.

Questo nuovo servizio consente di trovare e offrire un passaggio in modo semplice e gratuito: gli automobilisti o i camionisti disponibili a "caricare" un autostoppista virtuale per un determinato percorso devono registrarsi al sito e inserire il luogo di partenza e di arrivo. Chi invece cerca un passaggio dovrà scegliere tra i percorsi messi a disposizione dagli inserzionisti oppure proporre un tragitto ideale specificando la disponibilità a contribuire alle spese di viaggio. La ricerca dell'itinerario è resa ancora più intuitiva dall'abbinamento con Google Maps.

Il contatto tra l'autostoppista e l'autista avverrà via mail tramite Roadsharing.com che però non offre nessuna garanzia circa l'affidabilità degli utenti coinvolti. Del resto bisogna fidarsi, come ai vecchi tempi...

Autore: Redazione

Tag: Curiosità

Iscriviti alla Community

Scrivi un commento

Condizioni d'uso
Top