dalla Home

Attualità

pubblicato il 13 agosto 2008

La strage dell’A4: l’Adiconsum chiede l’apertura di un’inchiesta

Possibili responsabilità sulla sicurezza dell'autostrada

La strage dell’A4: l’Adiconsum chiede l’apertura di un’inchiesta

La ripresa video ha già fatto il giro di tutte le televisioni sconvolgendo non poco gli animi degli italiani, automobilisti e non. Ma su questo gravissimo incidente avvenuto lo scorso weekend sul tratto autostradale Venezia-Trieste che ha provocato 7 morti bisogna fare luce per appurare ogni eventuale responsabilità della società concessionaria del tratto autostradale. A chiederlo a gran voce è l'Adiconsum che sottolinea come "l'assenza di una efficace barriera centrale antintrusione su un tratto di autostrada gravato da un pesantissimo flusso veicolare pesante ed aggravato in questo periodo dal traffico dei vacanzieri, è all'origine del gravissimo bilancio di sangue di questo incidente".

L'associazione dei consumatori romana ha chiesto ufficialmente alla Procura della Repubblica di appurare le responsabilità della non messa in sicurezza dell'autostrada, costringendo la concessionaria ad approntare tempestivamente i lavori di adeguamento.

L'Adiconsum chiede in particolare alla Procura della Repubblica:

1) di non fermarsi alla pura dinamica del sinistro, ma di indagare sulle responsabilità derivanti dalla non messa in sicurezza dell'autostrada, che pur generando alti utili non genera altrettanti investimenti nella sicurezza dei viaggiatori;

2) di considerare che non si tratta di un primo, isolato incidente, ma di un costante stillicidio di morti e feriti pur in presenza delle pesanti denunce delle stesse associazioni degli autotrasportatori sulla pericolosità del tratto.

Inoltre l'Adiconsum chiede al Ministro Mantovano, che sostiene l'effetto evanescente della patente a punti, di rafforzare e mettere in condizione la Polizia Stradale di svolgere il proprio lavoro. Non è con misure populistiche di repressione e criminalizzazione della mobilità che si ottengono risultati, ma soltanto con un costante impegno sulla prevenzione e l'educazione dei cittadini.

Autore: Redazione

Tag: Attualità


Top