dalla Home

Tuning

pubblicato il 7 agosto 2008

Ritorna l’Opel Omega Lotus?

Mike Kimberley sogna un’erede della mostruosa berlina da 377 CV

Ritorna l’Opel Omega Lotus?
Galleria fotografica - Opel Lotus OmegaGalleria fotografica - Opel Lotus Omega
  • Opel Lotus Omega - anteprima 1
  • Opel Lotus Omega - anteprima 2
  • Opel Lotus Omega - anteprima 3
  • Opel Lotus Omega - anteprima 4
  • Opel Lotus Omega - anteprima 5
  • Opel Lotus Omega - anteprima 6

L'Opel Omega Lotus (chiamata con altri nomi negli altri paesi in cui fu commercializzata: Vauxhall Carlton, Lotus Omega o Lotus Carlton), a cavallo tra anni 80 e 90, fu una vera icona di sportività: non c'erano BMW M5 o Audi RS2 che riuscissero a porole adeguata resistenza: i 340 CV della prima e i 315 della seconda, ben poco potevano contro il suo 6 cilindri biturbo da 377 CV (e nessun controllo attivo alla dinamica di marcia!) tutti scaricati sulle ruote posteriori. Un vero mostro capace di schizzare da 0 a 100 in meno di 5" e di sfondare i 280 km/h. Il tutto nelle sembianze (adeguatamente estremizzate) di una grande berlina quattro porte e cinque posti.

Lotus, del resto, già vantava la collaborazione con altri costruttori nell'ambito della realizzazione di versioni particolarmente brillanti e sportive, come ad esempio la Talbot Simca Sunbeam Lotus del 1979, motorizzata con un 4 cilindri 2,2 litri turbo di derivazione Lotus da 150 CV.

UNA DEGNA EREDE
Mike Kimberley, Amministratore Delegato del marchio Lotus, ha dichiarato che gli piacerebbe vedere rinata la straordinaria possanza della grande Omega Lotus prendendo le mosse da una vettura di grandi dimensioni e comfort e a cui dare una nuova essenza, un nuovo carattere, un nuovo ruolo da sportiva purosangue.

Attualmente, a quanto risulta, non esistono progetti in tal senso già in corso di attuazione. Eseguendo un rapido ragionamento sulle automobili che potrebbero essere considerate "papabili", emerge una sola candidata in grado di offrire la maggior parte delle caratteristiche potenziali per farne l'erede della grande Omega Lotus: la nuova Opel Insignia, spaziosa, maestosa e con tanto comfort, il cui propulsore 2.8 V6 Turbo sarebbe in grado di ricevere adeguato trattamento rinvigorente per ottenere corrispondenti livelli di potenza.

[Via Autocar]

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Tuning , Opel


Top