dalla Home

Attualità

pubblicato il 5 agosto 2008

GM e Ford: ipotesi di "joint-engines"

I due colossi insieme per progettare i motori del futuro

GM e Ford: ipotesi di "joint-engines"

General Motors e Ford starebbero discutendo una possibile collaborazione per sviluppare nuovi motori e tecnologie alternative. A riportarlo è l'edizione on line di Detroit News, che cita fonti interne ad entrambe le società. I due rivali avrebbero deciso di mettere da parte la competizione per abbattere i costi di produzione ed accelerare i tempi di sviluppo.

La progettazione di un nuovo propulsore può infatti costare ad una Casa automobilistica anche un miliardo di dollari, mentre lo studio completo di una nuova trasmissione si aggira attorno ad un costo di 800 milioni. Cifre considerevoli, che nel caso di una joint venture sarebbero tagliate a metà: 500 milioni e 400 milioni.

Secondo l'analista Jim Hall, il maggior contributo che GM potrebbe dare all'alleanza riguarda lo sviluppo dei motori a 4 cilindri, su cui è più avanti rispetto a Ford, che invece è all'avanguardia sui motori turbo e ad iniezione diretta. Attraverso la collaborazione, Ford potrebbe trarre anche un altro vantaggio: accedere alla tecnologia Volt con cui GM intende sviluppare veicoli elettrici, la sfida del futuro mercato automobilistico.

L'idea di una nuova partnership (i due costruttori hanno già collaborato per lo sviluppo di un cambio a 6 marce con bassa incidenza sui consumi) sarebbe di General Motors, che avrebbe contattato Ford più di un mese fa. Quest'ultima, dopo una riunione del consiglio di amministrazione, avrebbe autorizzato i negoziati, ma da nessuna delle due società sono giunte fin'ora dichiarazioni ufficiali. Soltanto dei "no comment".

Autore:

Tag: Attualità , Ford


Top