dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 2 agosto 2008

Da oggi niente ECOPASS a Milano

Il Comune ha sospeso il provvedimento fino al 24 agosto: troppi ricorsi

Da oggi niente ECOPASS a Milano

"Per venire incontro alle esigenze dei milanesi che resteranno in città", Milano sospende l'Ecopass da oggi fino al 24 agosto. Così l'amministrazione della città lombarda giustifica la temporanea revoca del provvedimento sembrava un successo e che invece sta mandando in tilt l'organizzazione pubblica.

Da quando è entrato in vigore l'Ecopass, infatti, gli uffici del Giudice di Pace di Milano sono sommersi da una marea di faldoni per i ricorsi contro il meccanismo che, lo ricordiamo, è una "pollution charge", ovvero un pedaggio d'ingresso in città calcolato sulla base dell'inquinamento dei veicoli.

Già a maggio la situazione era apparsa complicata, ma è stato soltanto nel mese di luglio (periodo in cui si avvicinano le scadenze per le prime violazioni contestate) che i ricorsi per le contestazioni "da Ecopass" hanno cominciato a piombare negli uffici giudiziari al ritmo di 500 al giorno. Un numero talmente elevato che il personale di cancelleria è stato costretto a continui turni di straordinario. La situazione è melodrammatica, visto che per gestire la grandinata di ricorsi dovuti al balzello di medievale memoria, l'intera struttura dell'Ufficio del Giudice di Pace milanese è stata stravolta. Nuove turnazioni, uffici chiusi a rotazione, fino all'assurdo che tutti gli impiegati sono chiamati a registrare nuove pratiche per "non meno di tre ore al giorno".

Un contesto "fantozziano", che poteva scaturire solo dal perverso meccanismo della burocrazia italiana. E' così che il simbolo della lotta demagogica all'inquinamento sta iniziando a mostrare le sue crepe e chi ci ha guadagnato forse non è nessuno. Troppo breve il suo periodo di sperimentazione per avere dei risultati ecologici importanti e troppa burocrazia perché il Comune incassi qualche euro (visto che si trova bloccati gli introiti di decine di migliaia di contravvenzioni).

Autore: Salvatore Loiacono

Tag: Attualità , mobilità sostenibile , milano


Top