dalla Home

Tuning

pubblicato il 1 agosto 2008

Porsche RS Spyder con l'iniezione diretta di benzina della 911

Sui prototipi di Stoccarda debutta il sistema DFI

Porsche RS Spyder con l'iniezione diretta di benzina della 911
Galleria fotografica - Porsche RS Spyder LMP2Galleria fotografica - Porsche RS Spyder LMP2
  • Porsche RS Spyder LMP2 - anteprima 1
  • Porsche RS Spyder LMP2 - anteprima 2
  • Porsche RS Spyder LMP2 - anteprima 3
  • Porsche RS Spyder LMP2 - anteprima 4
  • Porsche RS Spyder LMP2 - anteprima 5

La connessione fra modelli da strada e competizioni è certamente fondamentale per Porsche, che ha nella sportività il plus del suo appeal di immagine. Così, contemporaneamente al lancio dei nuovi motori ad iniezione diretta sulle rinnovate 911, dall'altra parte dell'Oceano è scesa in pista la nuova versione anch'essa ad iniezione diretta della Porsche RS Spyder LMP2, lo sport prototipo che nella serie endurance ALMS è spesso risultata vincente anche sulle pluridecorate Audi R10 TDI della classe superiore LMP1.

Due settimane fa ha infatti debuttato sul circuito del Mid-Ohio la Porsche RS Spyder con il nuovo motore dotato di un sistema di alimentazione analogo a quello delle ultime coupé di Stoccarda. Grazie all'iniezione diretta il V8 da 3.4 litri è passato da 476 a 503 CV a 10.000 giri e la coppia da 370 a 385 Nm a 8500 giri. Ma il fatto più importante è che con tale aggiornamento la RS Spyder consuma meno, una caratteristica fondamentale nelle gare endurance. Infatti la nuova RS Spyder con iniezione diretta di Timo Bernhard e Romain Dumas ha esordito con un terzo posto assoluto proprio dietro le due barchette degli Anelli, che competono nella categoria superiore.

Rivela adesso Porsche che lo sviluppo del sistema Porsche DFI è avvenuto congiuntamente fra il reparto produzione e quello motorsport: "Sin dall'inizio c'è stato un vivo scambio", dichiara Tomas Laudenbach che è a capo dello sviluppo motori della divisione Motorsport Development di Porsche. "Abbiamo riconosciuto sin dall'inizio del progetto RS Spyder i vantaggi di questa tecnologia e l'abbiamo adattata alle esigenze delle corse sempre in stretta cooperazione con i colleghi del dipartimento sviluppo standard. I metodi e le conoscenze che abbiamo ottenuto da questa collaborazione hanno un valore considerevole per i prossimi progetti di sviluppo che coinvolgeranno la tecnologia DFI".

Autore:

Tag: Tuning , Porsche


Top