dalla Home

Attualità

pubblicato il 28 luglio 2008

Bambini in auto: è allarme sicurezza

Due italiani su tre non sanno come proteggere i propri figli

Bambini in auto: è allarme sicurezza

Che Re Erode fosse sulla strada lo aveva già segnalato l'Asaps presentando gli ultimi dati sulla sicurezza dei bambini in auto. Un vero e proprio bollettino di guerra a cui si aggiunge il triste bilancio di una recente inchiesta del Centro Studi e Documentazione Direct Line. Da quanto è emerso dal rapporto ben due italiani su tre ignorano le regole di trasporto dei più piccoli in auto, norme che costano ai trasgressori il ritiro di 5 punti dalla patente ed una sanzione da 68 a 275 euro.

Nell'inchiesta, commissionata all'istituto di ricerca Nextplora, il 9% degli intervistati ha dichiarato di montare il seggiolino soltanto in autostrada, mentre il 4% lo adopera esclusivamente per i lunghi viaggi. Come se non bastasse spesso i seggiolini utilizzati non sono installati correttamente e non rispettano le misure standard prescritte dalla legge, in funzione dell'altezza e dell'età del bambino.

Una mancanza molto grave, perché il non utilizzo dei seggiolini e delle cinture di sicurezza aumenta di sette volte il rischio di conseguenze gravi in caso di incidenti, mentre un utilizzo responsabile di seggiolini e cinture consentirebbe di ridurre il rischio di lesioni mortali dell'80%. Per farsi un'idea si pensi che in caso di urto a 40 km/h i 16 kg di un bambino diventano 1.000 se non trattenuti adeguatamente ed un urto a soli 50 km/h equivale ad una caduta dal terzo piano di un edificio.

Con le strade e le autostrade invase dalle macchine per via dell'esodo estivo, gli analisti hanno giustamente sottolineato l'aumeno dei rischi. Gli italiani che secondo le previsioni si sposteranno in auto per le vacanze saranno quest'anno 23 milioni. Destinazione mare, montagna e città d'arte, con troppo poca attenzione all'uso dei dispositivi di sicurezza, anche da parte degli stessi adulti che spesso "dimenticano" di allacciare la cintura. Sarebbe bene invece dare il buon esempio ai bambini e ricordarsi di seguire le regole per proteggerli quando si viaggia.

LE REGOLE
Per essere trasportato in auto, il bambino, dalla nascita fino al raggiungimento dei 36 Kg di peso, ha bisogno dei dispositivi di ritenuta. Fino ai 9 Kg i bambini devono essere trasportati in senso contrario alla marcia e sul sedile posteriore, dopo i 10 Kg il seggiolino può essere sistemato secondo il senso di marcia. Compiuti i tre anni soltanto i bambini alti più di 1,50 m possono occupare il sedile anteriore, gli altri devono viaggiare legati agli appositi seggiolini. Se si decidesse di non utilizzare un sistema di ritenuta è d'obbligo che ci sia almeno un passeggero di età non inferiore a 16 anni accanto.
Se la macchina è provvista di airbag frontale questo va disattivato prima di collocare sul sedile anteriore il seggiolino di sicurezza. Tuttavia il posto più adatto per il seggiolino è quello al centro del sedile posteriore, per evitare eventuali urti laterali. Lo schienale del seggiolino deve essere sempre ben appoggiato al sedile della macchina e le cinture presenti sul dispositivo devono essere allacciate anche per brevi tragitti.

Autore:

Tag: Attualità


Top