dalla Home

Mercato

pubblicato il 25 luglio 2008

Il Gruppo Renault cresce nei primi sei mesi del 2008

Settore Auto a +2,2%

Il Gruppo Renault cresce nei primi sei mesi del 2008

Il primo semestre del 2008 si conferma positivo per il Gruppo Renault. I veicoli venduti sono stati 1.325.500, con una crescita del 4,3% rispetto al primo semestre del 2007. Nella strategia di ampliamento della gamma, infatti, è da segnalare il lancio di cinque nuovi modelli: Clio SporTour, Grand Modus, New Kangoo nella versione auto e commerciale, Dacia Logan Pick-Up. Questo ha portato, inoltre, a una crescita del fatturato del 2,3% rispetto al 2007.

Nel computo delle attività del Gruppo, il settore Auto è cresciuto del 2,2% sul 2007. Si vende bene in Francia mentre calano le vendite in Spagna, Italia e Gran Bretagna. Il buon andamento si spiega principalmente con la politica di riduzione dei costi di fronte ad una serie di fattori esterni altamente sfavorevoli e di una crescita dei mezzi commerciali. Renault registra nel semestre un calo dei costi di acquisto escluso l'effetto materie prime, delle spese generali e dei costi della garanzia.

LO SCENARIO ATTUALE
Renault analizza la situazione macroeconomica attuale, disegnando uno scenario a tinte fosche che obbligano a prendere seri provvedimenti in ambito gestionale. Il gruppo francese parla di aumento del prezzo del petrolio che rallenta la crescita dei mercati automobilistici e che modifica il mix di vendita appesantendo i costi di trasporto, di aumento dei prezzi delle materie prime, di evoluzione sfavorevole dei cambi, di crisi finanziaria che aumenta il costo del finanziamento delle aziende, di calo dei maggiori mercati automobilistici europei. In questo contesto Renault ha deciso di agire per difendere competitività e redditività. Il piano d'azione comprende: un aumento del prezzo di vendita per assorbire l'aumento del costo delle materie prime, alleggerimento del piano prodotto attraverso una sua semplificazione, congelamento o rinvio di progetti considerati non prioritari e il blocco delle assunzioni in Europa.
Sono poi in corso di valutazione altre misure: riduzione dei costi di struttura del 10%, soprattutto mediante un piano di uscite volontarie soprattutto in Europa, riorganizzazione dei siti di produzione per adattarsi all'evoluzione dei mercati.

PROSPETTIVE
Per il secondo semestre di quest'anno, nel continente Europeo, Renault proseguirà la sua "offensiva" di prodotto con Laguna Coupé e l'inizio del rinnovo della famiglia Mégane. Fuori dall'Europa, il Gruppo francese intravede una significativa progressione delle vendite in tutti i marchi. Renault stima che la sua crescita, nel corso dell'anno, dovrebbe essere superiore al 5% a meno di qualche ulteriore peggioramento delle condizioni del mercato europeo. Ma il Gruppo si spinge oltre: nel 2009, le previsioni di crescita per le 3 marche Renault, Dacia e Renault Samsung dovrebbero permettere di superare la quota dei 3 milioni di veicoli. Includendo anche Lada l'obbiettivo si situerebbe al di sopra dei 3,8 milioni di vendite.

I FUTURI PIANI DI PRODOTTO
I progetti più rilevanti avviati nell'ambito dell'Alleanza con il marchio giapponese Nissan negli ultimi 18 mesi sono lo stabilimento di Chennai in India, quello di Tangeri in Marocco, un nuovo veicolo elettrico e lo sviluppo dell'automobile Ultra Low Cost con Bajaj. Inoltre, in Russia Renault ha firmato una partnership strategica con AvtoVAZ.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Mercato , Renault


Top