dalla Home

Curiosità

pubblicato il 24 luglio 2008

La BMW del 2015 secondo gli studenti dello IED

In mostra fino a settembre le proposte selezionate

La BMW del 2015 secondo gli studenti dello IED
Galleria fotografica - La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di TorinoGalleria fotografica - La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino
  • La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino - anteprima 1
  • La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino - anteprima 2
  • La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino - anteprima 3
  • La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino - anteprima 4
  • La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino - anteprima 5
  • La BMW del 2015 per gli studenti dello IED di Torino - anteprima 6

"E' con grande piacere che condividiamo i risultati di tanti sforzi con gli appassionati del mondo dell'auto". Così César Mendoza, direttore dell'Istituto Europeo di Design di Torino, ha commentato i temi svolti dagli allievi della celebre scuola di design in collaborazione con BMW. Non è la prima volta che l'Istituto lavora con Case automobilistiche di fama internazionale. Lo scorso anno i prototipi erano stati realizzati con Toyota sul tema Prius, questa volta lo scopo degli studenti all'ultimo anno del Corso triennale post-diploma in Transportation Design è stato quello di "progettare la BMW del 2015 interpretando l'evoluzione del linguaggio e l'essenza del marchio".

Per farlo, i punti di riferimento del progetto durante lo stadio iniziale sono stati i desideri, le necessità, i piaceri e gli stili di vita di un individuo che compirà 35 anni nel 2015. Per sviluppare le forme delle auto del futuro, i 35 studenti suddivisi in 18 gruppi che hanno partecipato all'iniziativa hanno avuto come fonte di ispirazione le modalità di espressione universali, come la musica, la pittura o l'arte in generale, e gli elementi naturali, come il sole, il mare, il vento o la terra. Soltanto nella seconda fase del progetto, ovvero per sviluppare gli esterni e gli interni della vettura, i giovani car designers hanno utilizzato il linguaggio formale della Casa bavarese.

Le proposte elaborate da ciascun team sono state poi selezionate da un'apposita commissione e, fra le 12 scelte, 8 sono state realizzate con modelli in scala 1:4, mentre le restanti 4 sono state sviluppate come modelli virtuali, in mostra presso la sede dell'Istituto in occasione di "Apriti IED" fino alla fine di settembre. Particolarmente apprezzati due progetti: "Africa. decompose concept." di Raphael Laurent e Mihaï Panaîtescu e "Snug" di David Raffai, Kevin Schlaepfer, Andrea Torchia e Alberto Usai. L'uno l'antitesi dell'altro. Il primo trae ispirazione dall'anima "tribale" del Continente Africano, con i suoi colori caldi, le sue forme accoglienti e gli ampi spazi. Il secondo invece è più legato alla vita delle caotiche metropoli moderne, dove ogni momento è caos, dinamismo, funzionalità e tecnologia.

Autore:

Tag: Curiosità , Bmw


Top