dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 18 luglio 2008

Arriva l'alcoltest che decide se darti la patente

A settembre parte la sperimentazione dell'iniziativa in 4 città

Arriva l'alcoltest che decide se darti la patente

Un test per verificare se si è consumatori di droga e alcol e per chi risulta positivo non ci sarà il rilascio di patente o patentino e se si tratta di un minorenne si avviseranno le famiglie. Parte a settembre una nuova campagna per la sicurezza stradale che si basa su un'iniziativa europea che scatterà nel 2011, ma che l'Italia avvia con tre anni di anticipo per prevenire le stragi che avvengono in strada.

L'iniziativa, promossa dal Dipartimento per le Politiche antidroga, riguarda quattro città campione: Verona, Perugia, Foggia e Cagliari. "I test verranno effettuati nell'ambito della visita medica su tutti coloro che faranno richiesta di patente auto o patentino per guidare moto e motorini", ha spiegato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Famiglia, droga e servizio civile, Carlo Giovanardi.

"Non credo che il progetto sarà oggetto di polemiche visto che nella pratica stiamo semplicemente anticipando una decisione europea", ha detto il sottosegretario. Già a partire dal 2009 su tutto il territorio nazionale per ottenere la patente e il patentino sarà necessario sottoporsi a test anti droga e anti alcol obbligatori.

Molteplici le reazioni. C'è chi parla di violazione della privacy e chi ritiene che si tratti di "una scelta totalmente idiota". "Innanzi tutto bisognerebbe chiarire che tipo di analisi si vogliono fare", ha detto Gian Luigi Gessa, pioniere degli studi sulle tossicodipendenze. "Del sangue, delle urine o dei peli del corpo? Tutti noi sappiamo che la droga che produce più incidenti stradali è l'alcol che, però, sparisce dal sangue dopo due o tre ore. La cannabis, invece, resta nel sangue circa un mese, nei capelli ben oltre. Ma è idiota pensare che, se trovo tracce di questa sostanza in una persona che ha fumato uno spinello alcuni giorni fa, si possa dire che è tossicodipendente, tanto meno che sia pericolosa alla guida".

"Non siamo contrari a priori e valuteremo l'iniziativa come tutte le altre proposte", ha commentato Carmelo Lentino, portavoce della campagna "BastaUnAttimo" di AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani. "Se va nel senso della prevenzione per la sicurezza stradale, noi l'appoggeremo e come rappresentanti dei giovani esprimeremo la nostra opinione".

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale , guida sicura


Top