dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 18 gennaio 2006

Kia Soul Concept

Kia Soul Concept
Galleria fotografica - Kia Soul ConceptGalleria fotografica - Kia Soul Concept
  • Kia Soul Concept - anteprima 1
  • Kia Soul Concept - anteprima 2
  • Kia Soul Concept - anteprima 3
  • Kia Soul Concept - anteprima 4
  • Kia Soul Concept - anteprima 5
  • Kia Soul Concept - anteprima 6

"Le automobili di Seul hanno un anima", amano ripetere gli uomini Kia, e questa Concept è stata creata proprio per confermarlo.

A Detroit, come promesso, la casa coreana ha diffuso qualche dettaglio in più riguardante l'attesa Concept Soul (dall'inglese, "anima"), vettura che si presenta come capostipite di un nuovo segmento denominato CUV, Crossover Utility Vehicle.
Tom Kearns, responsabile progetti KMA, rivela che la stretta collaborazione intercorsa tra lo studio californiano e quello coreano si è notevolmente intensificata in quest'ultimo anno. Al Naias 2005, il progetto Mesa, da cui Soul deriva, si presentava in maniera totalmente differente rispetto alla Concept riscoperta quest'anno. Non è solo un gioco di parole per i progettisti Kia, ma le squadrature e le linee fredde caratterizzanti Mesa sono state pressoché eliminate dall'anima più calda di Soul 2006.

Kearns parla di questa Concept come se rappresentasse la flessibilità finalmente fatta auto. Ne immagina la versatilità sia nei percorsi urbani che extraurbani, per non parlare poi delle numerose configurazioni di carico possibili, che la rendono capace di ospitare attrezzature per hobbies e sports.
Le superfici vetrate di Soul comunicano anch'esse un senso di libertà e movimento. Il parabrezza anteriore, innanzitutto, non si ferma ai soli montanti, ma prosegue fino coda avvolgendo quasi completamente la vettura. Internamente il vasto tetto panoramico trasforma l'ambiente a seconda dei desideri degli occupanti grazie allo scorrimento dei pannelli a scomparsa.

Leggiadria a parte, questa Kia Concept si esprime anche con tratti più muscolosi, in particolare nelle prese d'aria anteriori e nella vista laterale. Enormi passaruota ospitano cerchi in lega dalle dimensioni generose, mentre le griglie laterali donano un look da vera dura. Posteriormente, i fanali sono installati in posizione elevata come ormai tradizione vuole, mentre gran parte dell'impatto visivo viene assorbito dal portellone di carico. Il vano bagagli è stato studiato consente di ospitare, grazie ad un servosistema elettrico, sia carichi pesanti o ingombranti sia piccoli oggetti.

Mille attenzioni per usabilità e linee esterne, ma alla Kia si son dati un bel da fare per far gradire agli occupanti anche l'interno di Soul.
Innanzi tutto il sistema audio, afferma Kearns, promette di donare brividi come da prima fila ai concerti, sia per potenza che per qualità del suono. Come ogni Concept che si rispetti poi, anche Soul è fornita di schermo lcd pieghevole, lettore Mp3 con presa usb, sistema internet senza fili e connettività bluetooth. Ma gadget elettronici a parte, dell'abitacolo va menzionato il gioco di luci creato al suo interno. I progettisti coreani hanno infatti installato un sistema si illuminazione non concentrato su singole plafoniere, ma distribuito uniformemente ai bordi delle cornici di tetto panoramico e delle alette parasole. Un'illuminazione quindi circolare, diffusa, rilassante, di sicuro impatto visivo.

Galleria fotografica - Kia Soul ConceptGalleria fotografica - Kia Soul Concept
  • Kia Soul Concept - anteprima 1
  • Kia Soul Concept - anteprima 2
  • Kia Soul Concept - anteprima 3
  • Kia Soul Concept - anteprima 4
  • Kia Soul Concept - anteprima 5
  • Kia Soul Concept - anteprima 6

Scegli Versione

Autore:

Tag: Anticipazioni , Kia


Top