dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 luglio 2008

Il mercato dell'auto russo è il primo d'Europa

Nel primo semestre 2008 la Russia supera la Germania

Il mercato dell'auto russo è il primo d'Europa

La notizia è per molti versi storica: da un rapporto stilato dalla multinazionale della consulenza aziendale PricewaterhouseCoopers nei primi sei mesi di quest'anno in Russia sono state vendute 1,645 milioni di automobili, con un incremento del 41% rispetto al 2007. In questo modo il mercato russo dell'auto supera quello tedesco, storicamente e numericamente il più importante bacino automobilistico d'Europa, accaparrandosi il primo posto assoluto nel Vecchio Continente. Il risultato è arrivato anche prima di quanto previsto da Carlos Ghosn, CEO Renault, che aveva ipotizzato il 2010 come anno del sorpasso o da John Fleming della Ford Europe, secondo cui la Russia sarebbe balzata al primo posto nel 2009.

I fattori concomitanti che hanno portato a questo storico exploit vanno probabilmente ricercati in un'aumentata capacità di spesa da parte della classe media russa, dalla necessità di rinnovare il vecchio parco circolante e, in parte alla situazione stagnante sul fronte europeo. Le vendite in Germania si sono infatti fermate nel primo semestre 2008 a quota 1,63 milioni di unità, con un incremento rispetto allo scorso anno del 4%.

Se il trend verrà confermato, il bilancio di fine anno potrebbe arrivare a quota 3,8 milioni di vetture per la Russia, contro un totale di 3,2 milioni per la Germania. In vetta alla classifica per marche c'è GM/Chevrolet seguita da Hyundai, che hanno relegato al terzo e quarto posto Ford e Toyota, in vetta alle graduatorie dello scorso anno.

Le auto di importazione vendute in Russia hanno avuto un vertiginoso incremento del 54% (785.000 unità), mentre le vendite di auto straniere prodotte nel paese hanno raggiunto quota 290.000 (+41%). Chevrolet, da sola, ha venduto 103.735 auto. Il 90% delle vetture d'importazione vengono dagli Stati Uniti o dai paesi asiatici.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , produzione , dall'estero


Top