dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 19 giugno 2008

Debutta sulla Insignia la fotocamera che riconosce la segnaletica stradale

L'Opel Eye sarà disponibile in futuro su tutta la gamma

Debutta sulla Insignia la fotocamera che riconosce la segnaletica stradale
Galleria fotografica - Opel Eye: il sistema che legge i segnali stradaliGalleria fotografica - Opel Eye: il sistema che legge i segnali stradali
  • Opel Eye: il sistema che legge i segnali stradali - anteprima 1
  • Opel Eye: il sistema che legge i segnali stradali - anteprima 2

Solo pochi giorni fa avevamo parlato di un visore notturno BMW in grado di leggere e riconoscere i segnali stradali ed ecco che Opel risponde con un sistema analogo, in grado di riconoscere i limiti di velocità e i divieti di sorpasso presenti sulla segnaletica verticale. Questa funzione di "Traffic Sign Recognition" (riconoscimento segnali stradali) verrà offerta a partire dal 2009 come opzione sulla nuova Insignia e includerà anche il "Lane Departure Warning", vale a dire il sistema che avvisa il guidatore quando questi abbandona involontariamente la propria corsia di marcia.

L'OPEL EYE
Il sistema si chiama Opel Eye ed è stato sviluppato dagli ingegneri GM/Opel che hanno lavorato nel centro tecnico di Rüsselsheim in collaborazione con gli specialisti della società Hella. Opel Eye consiste in una macchina fotografica - dotata di un obiettivo grandangolo ad alta risoluzione e inserita tra il parabrezza e lo specchietto retrovisore - che inquadra i cartelli stradali e la segnaletica orizzontale. Poco più grande di un telefono cellulare, quest'apparecchio è in grado di scattare 30 fotografie al secondo. Due processori, che utilizzano uno speciale software sviluppato da GM, provvedono poi a filtrarle e a leggerle.

LEGGE I DIVIETI, ANCHE A DISTANZA RAVVICINATA
Il Traffic Sign Detection legge i limiti di velocità e i divieti di sorpasso già da una distanza di circa 100 metri ed informa il guidatore con il relativo simbolo che appare sul cruscotto per alcuni secondi, fra tachimetro e contagiri. Il pilota può in ogni momento richiamare l'informazione sul limite di velocità presente su quel tratto di strada, semplicemente premendo un pulsante. La funzione può essere attivata all'interno del menù del computer di bordo.
In caso di segnali ravvicinati, la precedenza viene data all'informazione più utile per la sicurezza di guida e quindi, solitamente, al divieto di sorpasso. Durante la sperimentazioni effettuate in Germania l'Opel Eye si è dimostrato in grado di riconoscere il giusto limite di velocità anche su strade con corsie a velocità differenziata.
Per i più curiosi, segnaliamo che il software di riconoscimento del limite di velocità si basa sul confronto con un database interno dei numeri neri posti all'interno del cerchio bianco, circondato di rosso, ovvero la forma standard dei cartelli stradali adottata da più di 80 paesi nel mondo aderenti alla Convenzione di Vienna sulla segnaletica stradale del 1968.

LANE DEPARTURE WARNING
Il Lane Departure Warning è invece un accessorio già offerto da altri costruttori e utilizza la stessa tecnologia per rilevare eventuali cambiamenti di corsia involontari e segnalare il pericolo tramite un suono e un segnale lampeggiante nella strumentazione. Oltre i 50 Km/h l'Opel Eye passa l'informazione sulle linee di corsia ad un algoritmo apposito che, in base al movimento del volante e all'attivazione delle frecce, accerta la presenza di un pericolo di sbandata o di sonnolenza.

Entrambi questi nuovi dispositivi per la sicurezza attiva saranno disponibili entro pochi anni su tutta la gamma Opel, secondo un logico e auspicabile processo di "democratizzazione" della tecnologia per la prevenzione degli incidenti stradali.

Autore:

Tag: Accessori , Opel , sicurezza stradale


Top