dalla Home

Tuning

pubblicato il 16 giugno 2008

Subaru Liberty GT STI

Anche in Australia la Legacy veste l'abito sportivo

Subaru Liberty GT STI
Galleria fotografica - Subaru Liberty GT STIGalleria fotografica - Subaru Liberty GT STI
  • Subaru Liberty GT STI - anteprima 1
  • Subaru Liberty GT STI - anteprima 2
  • Subaru Liberty GT STI - anteprima 3
  • Subaru Liberty GT STI - anteprima 4
  • Subaru Liberty GT STI - anteprima 5

Nella terra dei canguri la Subaru Legacy si chiama Subaru Liberty e, per il 2008, riceverà un bel pacchetto sportivo da parte della STI (Subaru Tecnica International), divisione corse della Casa giapponese nota in tutto il mondo per le vittorie della Impreza nei rally.

La Subaru Liberty GT STI per le sconfinate strade australiane segue di poco una versione simile presentata per il mercato giapponese e denominata Legacy STI S402. La versione australiana sarà "tirata" in 250 esemplari totali, in versione berlina e station wagon. Per quel che concerne la carrozzeria, questa STi sfoggia i classici spoiler anteriori e posteriori, aggiunti per minimizzare qualsiasi fenomeno di portanza ed è stata adottata una calandra specifica; scarico sportivo con nuovi terminali e scritta "tuned by STI" completano il pacchetto esterno.

All'interno i sedili anteriori sono sportivi in pelle e alcantara e offrono un giusto compromesso fra tenuta alterale e comfort di viaggio. Come tocco distintivo non mancano le cuciture rosse e il logo STI sullo schienale, mentre il sedile di guida ha regolazione elettrica con memoria. La strumentazione ha logo STI, come i battitacco ad ogni portiera.

La Liberty GT STI sfoggia una elaborazione meccanica appena inferiore alla sorella nipponica, vantando una potenza massima di 260 CV a 6.000 giri/min e 360 Nm di coppia a 2.800 giri/min (contro 282 CV e 392 Nm). Per quanto riguarda il cambio la scelta sarà fra il sei marce manuale e il cinque marce automatico Sportshift.

L'assetto è ribassato di 5 millimetri grazie all'utilizzo di nuove molle STI e ammortizzatori Bilstein con taratura specifica STI, in grado di garantire un controllo più lineare della vettura e una migliore stabilità. Particolare attenzione è stata posta anche alle sospensioni posteriori, dotate di supporti con cuscinetti a sfera che riducono gli attriti e offrono una migliore rigidità laterale.

I freni sono Brembo e le pinze da 4 pistoncini davanti e 2 dietro sono dipinte di nero; le tubazioni dell'impianto frenante sono realizzate in treccia metallica, un elemento che non è soggetto alle dilatazioni determinate dalla pressione dell'olio e che aumenta di conseguenza la capacità di frenata. I cerchi da 18 pollici sono degli Enkei a 12 razze dalla finitura argentata e pesano 2,5 kg in meno dei normali cerchi della Liberty GT.

Gli automobilisti australiani e, in particolare, i collezionisti Subaru potranno scegliere fra i colori nero, argento, grigio e bianco sborsando una cifra che va dai 65.990 dollari australiani della berlina manuale ai 67.990 della station wagon automatica Sportshift (40.200/41.485 euro).

Autore:

Tag: Tuning , Subaru


Top