dalla Home

Tuning

pubblicato il 13 giugno 2008

Toyota Aygo Crazy

Una citycar da 200 CV: follia made in UK

Toyota Aygo Crazy
Galleria fotografica - Toyota Aygo CrazyGalleria fotografica - Toyota Aygo Crazy
  • Toyota Aygo Crazy - anteprima 1
  • Toyota Aygo Crazy - anteprima 2
  • Toyota Aygo Crazy - anteprima 3
  • Toyota Aygo Crazy - anteprima 4
  • Toyota Aygo Crazy - anteprima 5
  • Toyota Aygo Crazy - anteprima 6

Una versione sportiva della Toyota Aygo in listino ancora non c'è e probabilmente non esisterà mai. A questa "mancanza" però, Toyota UK ha voluto sopperire con una show car esagerata che verrà presentata al prossimo British International Auto Show di Londra.

Si chiama Aygo Crazy ed è una "follia" ingegneristica, appunto, che vede equipaggiare la citycar giapponese con un 1.8 VVT-i montato posteriormente. Il motore è lo stesso che equipaggiava le ultime edizioni della Celica e della roadster MR-2, ma sull'Aygo grazie ad un turbocompressore sviluppato ad hoc dalla Toyota Motorsport, eroga qualcosa come 200 cavalli per una coppia di 240 Nm trasferita sulle sole ruote posteriori. Una configurazione estrema che ricorda molto le spaventose Gruppo B da rally bandite dalle gare nel 1986.

Lo spazio sotto al cofano anteriore dove originariamente era posizionato il tre cilindri da 68 CV, è stato sfruttato per alloggiare il serbatoio del carburante ed un sistema di raffreddamento proporzionato alle performance del mezzo che è in grado di raggiungere 100 Km/h, con partenza da fermo, in meno di 6 secondi e una velocità massima, probabilmente autolimitata elettronicamente, di 205 Km/h. Il tutto a fronte di un peso di soli 1.050 kg. Numerose sono le ottimizzazioni alle componenti telaistiche dell'auto che gode di carreggiate anteriore e posteriore allargate di 2,5 cm sulle quali sono state adattate le sospensioni MacPherson derivate dalla MR-2 Roadster con ammortizzatori della americana Tein. I cerchi sono invece da 17" ed ospitano gomme Goodyear 225/45.
La carrozzeria è stata vitaminizzata con l'adozione di passaruota allargati, cofano, paraurti anteriore e posteriore in materiale composito, mentre lo spoiler in carbonio sul tetto proviene da una parte dell'ala posteriore di una Panoz DP01, la monoposto che fino a poco tempo fa veniva utilizzata nella serie americana Champ Car, prima della fusione con la IndyCar Series.

Per quanto riguarda gli interni, l'abitacolo presenta un allestimento identico alla Aygo di serie, eccezion fatta per i sedili e il volante Sparco, la pedaliera in alluminio, alcuni inserti in alcantara rosso realizzati dallo specialista britannico O'Rourke. I tecnici inglesi della Toyota assicurano che per assaporare appieno le emozioni di guida che può regalare la Aygo Crazy sono stati eliminati tutti gli ausili elettronici alla guida come servosterzo, ABS, ESP. L'unico sistema di sicurezza previsto, oltre alle cinture a quattro punti, è un roll cage.

L'esemplare è per ora unico, ma mai dire mai...

Scheda Versione

Toyota Aygo 3 porte
Nome
Aygo 3 porte
Anno
2005 (restyling del 2009) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
citycar
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Tuning , Toyota


Top