dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 giugno 2008

Una Lamborghini... che vola!

A Torino la Reventon arriva "dal cielo" sulla pista del Lingotto

Una Lamborghini... che vola!
Galleria fotografica - La Lamborghini Reventon atterra al LingottoGalleria fotografica - La Lamborghini Reventon atterra al Lingotto
  • La Lamborghini Reventon atterra al Lingotto - anteprima 1
  • La Lamborghini Reventon atterra al Lingotto - anteprima 2
  • La Lamborghini Reventon atterra al Lingotto - anteprima 3

Si è aperto ieri il Torino World Design Capital 2008, un interessante evento relativo al mondo del design che coinvolge, ovviamente, anche il pianeta automobile. Lamborghini ha voluto "dire la sua" anche in questa occasione e, in maniera molto spettacolare, è approdata al Lingotto con il suo modello più estremo, la Reventon.

L'evento organizzato dal Toro intitolato "Lamborghini e la Velocità. Il Caso Reventón, un progetto realizzato a tempo di record", al quale hanno preso parte Stephan Winkelmann, presidente e AD di Lamborghini e numerose personalità e autorità locali, ha avuto la finalità di illustrare la velocità di progettazione della Reventón, presentata ufficialmente nel settembre 2007: a tempo di record è stato possibile prendere tutte le decisioni necessarie, realizzare modelli e progetti, costruire le vetture e mettere in vendita i 20 esemplari previsti.

Il legame della Reventón con il mondo aeronautico era in un certo senso già implicito nel progetto stesso: la derivata dalla Murciélago LP640, con il V12 6,5 litri da ben 650 CV, è nata infatti pensando agli aerei da caccia, dalle appendici aerodinamiche al display con due modalità di visualizzazione, dal "G-Force-Meter" alla colorazione grigio-verde opaco: nulla di più logico, dunque, che offrire ai presenti uno spettacolare "volo" della vettura nei cieli di Torino.

Al termine della conferenza, che si è svolta nell'Auditorium Giovanni Agnelli, alcuni invitati hanno dunque assistito all'arrivo della Reventón trasportata da un elicottero Agusta-Westland EH-101, grazie alla collaborazione con la Marina Militare. L'auto è poi "atterrata", con un tempismo perfetto ed evitando le strade cittadine, nella pista sopraelevata del Lingotto: qui ha finalmente potuto dare sfogo a tutta la sua rabbiosa velocità...

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Lamborghini , iniziative speciali


Top