dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 6 giugno 2008

Italia-Giappone: insieme per l’auto del futuro

Il 12 giugno, vertice italo-nipponico sulla mobilità di domani

Italia-Giappone: insieme per l’auto del futuro

Un ponte tra Giappone e Italia. E' quello che collegherà "virtualmente" le due nazioni il prossimo il 12 giugno in occasione dell'incontro l'incontro "Auto Innovation Design - Japan and Italy towards a cleaner, smarter car", in programma a Tokyo presso l'Istituto Italiano di Cultura. Tema centrale saranno l'innovazione, raccontata dai protagonisti dell'industria, della ricerca indipendente dalle istituzioni, e la collaborazione tra il mondo automobilistico nipponico e quello del nostro paese sulle tecnologie pulite, e non solo.

Il parterre, infatti, prevede presenze d'eccezione tra le quali Jean Jaques His, GT Powertrain Director Ferrari, Luigi Piero Ippolito, Senior Vice President, Innovating & Managing Director SDC Magneti Marelli, Enrico Pisino, Director Business Vehicle Architecture Centro Ricerche Fiat, Roberto Sangalli, Head of Tyre Pre-development and Research Departments, Pirelli, Roberto Piatti, CEO and Founder Torino Design. Per il "Made in Japan", invece, ci saranno i top manager di Nissan, Honda, e Mitsubishi insieme ai rappresentanti di università e centri ricerche. E all'appuntamento di Tokyo, organizzato dall'Ambasciata Italiana, dall'Istituto Italiano di Cultura e dal CIRPS, Centro Interuniversitario di Ricerca Per lo Sviluppo Sostenibile della Sapienza Università di Roma, Fabio Orecchini e Giada Michetti, in rappresentanza di H2Roma e Motor Show di Bologna, presenteranno Innovation Cube, il nuovo format espositivo dedicato ad ambiente, sicurezza, infomobilità e design nato dall'accordo tra le società organizzatrici dei due eventi, che debutterà a dicembre 2008 all'interno del Salone Internazionale dell'Automobile di Bologna.

"Si tratta di una grande opportunità per il sistema Italia per far conoscere un modo originale e innovativo di divulgare le eccellenze tecnologiche dell'industria automobilistica" ha spiegato Fabio Orecchini, coordinatore scientifico di H2Roma e docente di sistemi energetici presso La Sapienza Università di Roma. "Con il lancio di Innovation Cube in Giappone - paese da sempre all'avanguardia e anticipatore di tendenze - il Motor Show di Bologna conferma la propria attenzione nei confronti dell'innovazione tecnologica e l'impegno a veicolare al grande pubblico i progressi delle eccellenze dell'industria automotive" ha aggiunto Giada Michetti, Amministratore delegato di Promotor International S.p.A., organizzatore del Salone Internazionale dell'Automobile italiano. Il seminario "Auto Innovation Design - Japan and Italy towards a cleaner, smarter car" è parte di un più ampio programma di eventi dedicati all'innovazione e al design automobilistico che si terranno da settembre a dicembre del prossimo anno nell'ambito di "Autunno in Giappone 2009", un'iniziativa che ha l'obiettivo di attirare l'attenzione del pubblico giapponese nei confronti dell'Italia.


[Via H2roma.org]

Autore: Redazione

Tag: Attualità , mobilità sostenibile , auto giapponesi , auto italiane , h2roma


Top