dalla Home

Tuning

pubblicato il 5 giugno 2008

ASI Bentley W66 GTS Gold

Quando l'importante è esagerare

ASI Bentley W66 GTS Gold
Galleria fotografica - ASI Bentley W66 GTS GoldGalleria fotografica - ASI Bentley W66 GTS Gold
  • ASI Bentley W66 GTS Gold - anteprima 1
  • ASI Bentley W66 GTS Gold - anteprima 2
  • ASI Bentley W66 GTS Gold - anteprima 3

Ultimamente sembra che i tuner di tutto il mondo abbiamo scelto come terreno di confronto la Bentley Continental GT, massiccio bolide anglo-tedesco da ritoccare in maniera più o meno pesante. È così che i vari Mansory, Premier4509, Wald International e ora i giapponesi della ASI propongono elaborazioni a raffica per la Continental GT, in una costante sfida a suon di esagerazioni ed eccessi che nulla ha da spartire con il nobile marchio della B alata.

L'ultimo affronto a Bentley arriva appunto da ASi Corp., tuner di Nagoya nato nel dicembre 2007, in grado di proporre la ASI Bentley W66GTS Gold, una sorta di caricatura dorata e "alettonata" della coupé Bentley.

Se il preparatore nipponico si vanta di offrire Accuratezza, Spirito e Immaginazione (da cui l'acronimo ASI), è anche vero che il buon gusto è stato smarrito per strada, ma forse l'intento di farsi conoscere e notare a ogni costo vale il rischio di scadere nel pacchiano. Ecco che la W66GTS Gold presenta quindi, oltre alla già citata tinta color oro, il cofano nero opaco con decorazioni floreali e una greca dorata lungo il bordo, il bagagliaio posteriore realizzato con lo stesso carbonio nero e sovrastato da uno scuro alettone monoplano a due supporti. Tutte queste componenti sono specificamente realizzate in Giappone da ASI e comprendono nuovi paraurti "vitaminizzati", oltre ai piacevoli cerchi in lega fucinati scomponibili.

Nulla si sa invece di eventuali kit di potenziamento motore, comunque presi in considerazione da ASI, che ha in preparazione sulla stessa base meccanica 29 esemplari della spropositata W800-Tetsu da 800 cavalli.

Autore:

Tag: Tuning , Bentley , tuning


Top