dalla Home

Tuning

pubblicato il 5 giugno 2008

Breckland Beira

La supercar economica che va anche a GPL

Breckland Beira
Galleria fotografica - Breckland BeiraGalleria fotografica - Breckland Beira
  • Breckland Beira - anteprima 1
  • Breckland Beira - anteprima 2
  • Breckland Beira - anteprima 3
  • Breckland Beira - anteprima 4
  • Breckland Beira - anteprima 5
  • Breckland Beira - anteprima 6

Il fatto che in Inghilterra nasca una fuoriserie praticamente ogni settimana è certamente usuale, quello che lo è di meno è che questa funzioni con una doppia alimentazione benzina/GPL, un sistema finora visto quasi esclusivamente sui marchi più "generalisti". Di altro avviso è stata la Breckland Technology, engineering del Norfolk che in passato ha realizzato diversi modelli per Costruttori di nicchia tra cui Mosler, per il quale ha creato l'estrema MT900.

Breckland si appresta a presentare al London Motorexpo (9-15 Giugno) la prima auto che porta il suo nome: la Breckland Beira, un progetto nato interamente in Inghilterra, ma che attinge a piene mani nella componentistica americana. La piattaforma su cui si basa è infatti la famosa "Kappa" di General Motors, impiegata per le americane Pontiac Solstice e le
europee Opel GT, mentre il motore è il noto V8 LS2 da 6.0 litri e 400 CV che ha equipaggiato, fra le altre, le Corvette precedenti al model year 2008 e che è stato accoppiato ad un cambio Tremec manuale a 6 rapporti.

L'accelerazione della Breckland Beira sullo 0-100 Km/h è stimata al di sotto dei 5 secondi, con una velocità massima autolimitata a 250 Km/h, valori ottenuti grazie ad un peso inferiore ai 1400 kg, pur ospitando un serbatoio per il GPL da 70 litri. Il peso ridotto deriva dall'impiego di materiali compositi nel frontale e nella coda al posto della scocca originale in pannelli d'acciaio, mentre sono stati mantenute le portiere GM. Sono state inoltre ridisegnate le sospensioni, tutte indipendenti, con la supervisione dello specialista KW Suspension, mentre alla frenata ci pensano quattro dischi ventilati da 325 mm, con pinze a sei e quattro pompanti, forniti da HiSpec e alloggiati dietro cerchi da 18". Anche l'abitacolo è made in England, con selleria in pelle ed Alcantara ed impianto di infotainment Clarion con schermo da 7".

Così questa roadster assemblata a mano punta tutto su una relativa economia: economia di esercizio, dal momento che può percorrere oltre 1130 km con un pieno di benzina e GPL, ma anche su un prezzo contenuto che si aggirerà sui 70.000 Euro quando verranno effettuate le prime consegne a Novembre 2008. Il motivo principale sono i costi e tempi di produzione ridotti, come spiega l'ingegnere Mike Rawlings: "Negli anni, attraverso la nostra esperienza, abbiamo visto molte supercars apparire e poi scomparire, a causa di massicci costi di sviluppo e non volevamo cadere nello stesso errore. Ecco perché abbiamo sviluppato la Beira solo dove serviva e non per il mero piacere di farlo. Questo ci ha permesso di completare il progetto in 12 mesi".

Autore:

Tag: Tuning


Top