dalla Home

Curiosità

pubblicato il 28 maggio 2008

Quali sono le auto "preferite" dagli italiani?

Fiat Grande Punto, Panda e BMW Serie 3 in testa alla classifica 2007

Quali sono le auto "preferite" dagli italiani?

Eccole: Fiat Grande Punto, Fiat Panda e BMW Serie 3. Sono questi i tre modelli di auto per cui gli italiani hanno speso di più nel 2007 e che quindi hanno ottenuto le più significative quote del mercato automobilistico nazionale. A dirlo, i primi dati pubblicati della ricerca sul mercato auto 2007 "a valore" (ovvero, soldi "sborsati" dai clienti) che stanno conducendo gli studenti del Master sull'Automobile a cura dal Centro Studi Fleet&Mobility.

Confrontando i numeri delle quote di mercato "a valore" (soldi spesi dai clienti) con quelli "a volume" (ovvero con il numero di immatricolazioni) dei principali modelli di autovetture, è emerso che le due italiane Fiat Grande Punto e Fiat Panda sono in cima alla classifica dei modelli più venduti rispettivamente con un 6,8% e un 4,2%, e una quota a volume pari a 9% e 6,8%. La BMW Serie 3, rispetto all'anno scorso, è schizzata dalla 15esima alla terza posizione grazie ad un 2,8% per quota di mercato a valore (1,4% quota a volume).

Quarto posto per Ford Fiesta, che nel 2007 ha segnato un 2,5% per quota di mercato a valore, mentre Volkswagen Golf, uno dei modelli più amati in Europa, in questo tipo di classifica italiana occupa la quinta posizione (2,3%). Con la stessa quota di mercato a valore (2,3%) si è classidicata Ford Focus, seguita da Alfa 159 con un 2,1%. Parimerito anche per le celebri city car Lancia Ypsilon e Toyota Yaris che in Italia nel 2007 hanno ottenuto una quota di mercato a valore pari al 2%. Di seguito le due Opel Corsa e Astra, rispettivamente con un 1,9% e 1,8%. Fiat Bravo ha invece guadagnato una quota di mercato a valore pari all'1,7%.

L'Auto Europa 2007, Peugeot 207, che nel mese di febbraio è stata eletta "l'auto più venduta in Europa" spodestando Volkswagen Golf, è tra gli ultimi posti nella classifica italiana con un 1,6% per quota di mercato a valore. Stessa percentuale anche per Citroen C3. Conclude l'elenco Alfa 147 con un 1,5%.

"L'analisi del mercato auto in valore, e non solo in base alle immatricolazioni, consente a tutti gli operatori del settore di guardare al cliente come un portatore di valore economico. Per la concessionaria oggi è fondamentale guardare al valore che ogni cliente e/o segmento di clientela può generare, in considerazione del fatto che i bilanci si fanno con valori economici e anche i rapporti con le banche sono, e saranno, sempre meno dipendenti da garanzie patrimoniali e sempre più vincolati alla capacità di gestire l'azienda in ottica di valore aggiunto", ha detto Pierluigi Del Viscovo, direttore del Centro Studi Fleet&Mobility. L'intera analisi si concluderà e sarà presentata in autunno nel corso dell'appuntamento annuale con il convegno "La Capitale Automobile".

Autore:

Tag: Curiosità , immatricolazioni , produzione , guida all'acquisto


Top