dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 28 maggio 2008

La BMW M6 del 2012?

Ecco il rendering di un valente esperto di grafica, Guillaume Mouton

La BMW M6 del 2012?
Galleria fotografica - La BMW M6 del 2012? - Copyright by Giom MoutonGalleria fotografica - La BMW M6 del 2012? - Copyright by Giom Mouton
  • La BMW M6 del 2012? - Copyright by Giom Mouton - anteprima 1
  • La BMW M6 del 2012? - Copyright by Giom Mouton - anteprima 2
  • La BMW M6 del 2012? - Copyright by Giom Mouton - anteprima 3
  • La BMW M6 del 2012? - Copyright by Giom Mouton - anteprima 4

Mentre ancora ci domandiamo con insistenza se la BMW M1 Hommage, rivelata in esclusiva al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este per festeggiare i 30 natali della BMW M1, potrà avere un futuro produttivo, la BMW M6 continua a bearsi del prestigioso ruolo di modello di punta tra le versioni più sportive della grande famiglia del brand tedesco. La formosa Coupé di Monaco, ricordiamo, esibisce caratteristiche "fisiche" eccezionali: motore 10 cilindri a V, 4.999 cc, 507 CV, cambio SMG a 7 rapporti, 250 km/h autolimitati, da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi e da 0 a 1000 metri in 22,5 secondi.

Ma, come per tutte le belle avventure del mercato, anche lei prima o poi si troverà a dover lasciare il testimone a un'erede degna di portarne avanti l'altisonante immagine sportiva. In merito, c'è già chi ha allungato lo sguardo verso il futuro alla ricerca di un possibile scenario. E da queste speculazioni è nata la proposta (per ora solo a livello "pittorico", informaticamente parlando) dell'artista di grafica Guillaume Mouton, che ha immaginato le forme della prossima versione della BMW M6.

Come si vede dalle particolareggiate immagini, le forme evidenziano una grande coerenza con il progetto attuale della più possente delle versioni "M" di casa BMW. Il corpo vettura appare un po' più compatto, più basso e allargato. Stilisticamente, inoltre, questa speculazione rende omaggio alla CS Concept nata qualche mese fa e apparsa in anteprima al Salone di Pechino. Posteriormente si riconosce molto dell'attuale M3: forme classiche, dopo tutto, lontane dall'estremismo "Bangleiano" introdotto negli ultimi anni. Dove, forse, si sarebbe potuto osare di più è certamente nella vista frontale. Forse, per cercare di rispettare il più possibile i canoni stilistici tipici della Casa di Monaco, il designer ha finito per creare uno stile forse troppo tradizionale. Complessivamente, però, appare come una creazione di grande fascino.

Scegli Versione

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Anticipazioni , Bmw


Top