dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 maggio 2008

Lamborghini non ridurrà le emissioni di C02

Stephan Winkelmann parla del futuro delle auto di Sant’Agata

Lamborghini non ridurrà le emissioni di C02

Ibrido, elettrico, idrogeno, diesel ad elevata efficienza, recupero e trasformazione di energia cinetica in altra forma, iniezione diretta, downsizing o materiali leggeri. Le strategie che le Case automobilistiche mondiali stanno mettendo in atto per cercare di diminuire la dipendenza dal petrolio e il livello di emissioni sono numerose, tutte più o meno produttive di un qualche livello di risultato, tutte necessarie per mostrare un certo qual virtuosismo ma, soprattutto, per continuare a vendere.

La questione non sembra preoccupare Stephan Winkelmann, Presidente di Lamborghini Automobili SpA. Durante un intervista al "tabloid" automobilistico Automotive News al numero uno di Sant'Agata è stato chiesto se in futuro Lamborghini taglierà i frazionamenti dei suoi motori per venire incontro alle normative che le gli stati nazione stanno progressivamente inasprendo sempre di più. La risposta è stata chiara e semplice. Winkelmann ha infatti dichiarato: "No! Attualmente noi vendiamo poche vetture e i nostri clienti percorrono meno di 8.000 chilometri l'anno, dunque l'impatto prodotto è molto contenuto".

Il Presidente della Casa del Toro ha inoltre parlato del futuro produttivo del brand: non verranno effettuate significative modifiche alla linea di produzione. Ciò significa, in altri termini, che difficilmente verrà prodotto un SUV con il nobile blasone del Toro. Con 150 ingegneri attualmente impegnati, l'azienda funziona già al massimo della sua capacità.

Infine, circa l'attuale strategia messa in atto da Audi, che ha attualmente inserito nel proprio Consiglio di Sorveglianza tre elementi del management Porsche, Winkelmann è stato chiaro: "Porsche vende 100.000 auto l'anno, Lamborghini 2.500; non ci sono premesse per una sovrapposizione in termini di prodotto".

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Mercato , Lamborghini , immatricolazioni , inquinamento , produzione


Top