dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 23 maggio 2008

Incidenti stradali: saranno la prima causa di morte

L'Organizzazione Mondiale della Sanità lancia l'allarme

Incidenti stradali: saranno la prima causa di morte

Tra poco più di vent'anni le malattie non trasmissibili e gli incidenti stradali saranno la prima causa di morte nel mondo. E' questo ciò che è emerso dal nuovo rapporto pubblicato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità - World Health Organization - che ogni anno fa il punto sulla salute mondiale e ne prevede l'evoluzione. Le statistiche sanitarie mondiali, che compongono l'annuario 2008, si fondano su dati raccolti in tutti i 193 stati membri dell'OMS e si basano sull'analisi di 73 indicatori di salute.

Per i ricercatori il numero di vittime della strada è destinato ad aumentare ad un ritmo impressionante: si passerà dal milione e 300 mila morti registrati nel 2004 ai 2 milioni e 400 mila vittime preventivate per il 2030. Allo stesso tempo i decessi per malattie cardiovascolari saliranno da 17,1 milioni a 23,4 milioni, mentre quelli per cancro passeranno dai 7,4 milioni agli 11,8 milioni.

Se "non ci fosse la strada a pesare con le sue violenze, l'aspettativa di vita nell'Europa Occidentale supererebbe gli 80 anni di età", si legge in una nota dell'Asaps.

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale , statistiche


Top