dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 19 maggio 2008

I.DE.A. ERA

Roadster anni '40, oggi

I.DE.A. ERA
Galleria fotografica - I.DE.A. ERAGalleria fotografica - I.DE.A. ERA
  • I.DE.A. ERA - anteprima 1
  • I.DE.A. ERA - anteprima 2
  • I.DE.A. ERA - anteprima 3
  • I.DE.A. ERA - anteprima 4
  • I.DE.A. ERA - anteprima 5
  • I.DE.A. ERA - anteprima 6

30 anni di storia e 30 giorni per celebrarla. E' questa la sfida intrapresa dallo studio di design I.DE.A Institute di Torino per celebrare il suo trentennale con l'I.de.a. ERA, una concept car inedita sviluppata a tempo di record: neanche un mese.

L'azienda piemontese è stata in passato la creatrice di auto di successo come Fiat Tipo, Nissan Terrano II e Daihatsu Move ed ha collaborato negli anni con designer del calibro di Renzo Piano, Walter de Silva ed Ercole Spada, con sconfinamenti nelle due ruote partecipando ad alcuni progetti di Cagiva e Ducati.

La roadster ERA è il primo di una nuova serie di modelli che I.DE.A vuole lanciare in futuro e che probabilmente saranno contraddistinti da un marchio appositamente creato per loro. Lo studio stilistico attinge a piene mani dal concetto di barchetta sport degli anni '40: niente portiere, parabrezza appena accennato ed altezza da terra ridottissima. I tubi del telaio a vista negli interni sono stati sfruttati inoltre come elemento di design che richiama chiaramente l'essenzialità delle scoperte da competizione di un tempo.

Nonostante la ERA sia ancora una maquette stilistica, lunga 4,3 metri, larga 1,84 e alta 92 cm, ha già una scheda tecnica "ideale" che suggerisce le potenzialità di sviluppo. Secondo i designer torinesi, ERA dovrebbe essere equipaggiata con motore da 4 o 6 cilindri posizionato all'anteriore e disposto trasversalmente nel caso si voglia adottare una trasmissione anteriore, oppure longitudinalmente se si volesse optare per una trazione posteriore: in ogni caso si parla di potenze fino a 300 CV. La massa si dovrebbe aggirare fra i 1.500 e i 2.000 kg. Il serbatoio del carburante sarebbe invece posizionato centralmente, mentre le sospensioni dovrebbero essere indipendenti su entrambe gli assi, con schema a doppio triangolo sovrapposto all'anteriore e a doppio quadrilatero deformabile al retrotreno. Per le ruote, sono stati scelti pneumatici 245/40 su cerchi da 19 pollici.

In attesa di sapere se e quale Costruttore adotterà il progetto I.DE.A., voi a quale Marchio la abbinereste?

Autore:

Tag: Prototipi e Concept


Top