dalla Home

Novità

pubblicato il 19 maggio 2008

Skoda Superb

L'ammiraglia ceca volta pagina

Skoda Superb
Galleria fotografica - Nuova Skoda SuperbGalleria fotografica - Nuova Skoda Superb
  • Nuova Skoda Superb - anteprima 1
  • Nuova Skoda Superb - anteprima 2
  • Nuova Skoda Superb - anteprima 3
  • Nuova Skoda Superb - anteprima 4
  • Nuova Skoda Superb - anteprima 5
  • Nuova Skoda Superb - anteprima 6

Con la prima versione della Skoda Superb, nel 2001, la casa ceca proponeva una vettura di classe medio-superiore, dalla buona qualità e dal costo concorrenziale, che riprendeva una tradizione "storica" (le Superb degli anni '30 e '40 erano grandi berline dalla tecnologia avanzata), ma costituiva anche una "sfida" per un Marchio che ha prodotto per decenni vetture dalla forte vocazione utilitaria. Ora, dopo circa 130.000 unità vendute nei mercati internazionali, è in procinto di debuttare la nuova generazione di Skoda Superb, ancora più grande, ricca e "matura".

DESIGN: TUTTO NUOVO
Se la Superb precedente ricordava per molti aspetti la Volkswagen Passat anche nell'estetica, riprendendone pari pari alcuni elementi, la nuova Superb si presenta con una linea più autonoma ed originale, anche rispetto alle altre auto del gruppo tedesco. Secondo il responsabile del Creative Design del gruppo Volkswagen, Flavio Manzoni, Skoda ha già fissato con le sue più recenti proposte alcuni canoni estetici che ben rappresentano la futura immagine del marchio, in particolare con gli elementi espressi nella concept Joyster, presentata al Salone di Parigi 2006. Parte di questo linguaggio stilistico si ritrova anche nella nuova Superb, a cominciare dal frontale, con la calandra ampia e "tridimensionale", il taglio deciso e orizzontale dei gruppi ottici, il cofano che segue, con opportuni rilievi, i profili degli elementi anteriori, dando complessivamente una impressione di solidità. La vista più originale è però quella laterale, caratterizzata da un passo relativamente corto e da tetto e finestratura che perdono la forma "ad arco" di stile Passat, a favore di una più squadrata; il profilo non ha andamento a cuneo, e il padiglione si prolunga il più possibile verso il massiccio montante posteriore, terminando su un volume di coda relativamente corto e regolare. Nella vista laterale colpisce proprio il rapporto tra il passo, non lunghissimo, e gli sbalzi, con il parafango posteriore che si trova in posizione quasi più avanzata rispetto al montante "C". La coda, infine, termina in modo semplice, con gruppi ottici dal profilo mistilineo, a sviluppo orizzontale (con luci di posizione a forma di "C"), e cofano con profilo superiore arrotondato e sporgente, dal sapore vagamente retrò; al centro, lo stemma Skoda e il nome del modello, mentre la targa è per la prima volta in basso, nello scudo paraurti. L'estetica è in linea con certe soluzioni adottate anche in altre vetture del marchio (ad esempio, la nuova Fabia) e suggerisce anche visivamente l'abbondanza di spazio interno, soprattutto per i passeggeri posteriori; inoltre, le versioni più ricche presentano cromature, che aumentano la percezione di qualità.

INTERNI: SPAZIO ED ELEGANZA
Internamente, la nuova Superb mantiene lo stile essenziale e il buon livello di finitura che contraddistingueva anche il modello precedente: pur con dimensioni generali di poco superiori (4.838 x 1.817 x 1.462 mm, ossia 35 mm in più in lunghezza e 40 mm in più in larghezza, ma 8 mm in meno in altezza), cresce lo spazio interno grazie anche alla disposizione trasversale del motore, sia per i piedi di guidatore e passeggero anteriore, sia per le gambe dei passeggeri posteriori (+ 19 mm). Nella plancia, emergono i sempre più consueti strumenti circolari separati (ma raggruppati con palpebra unica), il volante multifunzione a 4 razze con una "V" cromata al centro - che ricorda in parte il disegno del frontale, la consolle centrale con nuovo sistema di navigazione Columbus (con touch screen e hard disk da 30 GB), e i comandi del climatizzatore automatico a due zone, accanto al quale si trova uno spazioso cassetto portaoggetti. Molteplici, come nel modello precedente, sono i vani all'interno dell'abitacolo (cassetto a sinistra del volante, tasche sulle portiere, portabottiglie nello spazio centrale, tasche nel retro dei sedili anteriori), mentre le finiture del cruscotto sono disponibili in tre colori e tre materiali differenti.

VERSATILITA' DI CARICO COL SISTEMA TWINDOOR
Come diverse altre vetture europee, la Skoda Superb ha la forma di una classica berlina a 3 volumi, ma anche un ampio portellone posteriore, che già di per sé aumenta la versatilità di carico. C'è però un elemento innovativo, ossia il sistema di apertura variabile denominato "Twindoor": in pratica, è possibile aprire solo il cofano oppure l'intero portellone (insieme al lunotto), premendo uno dei due tasti situati sulla parte inferiore del portellone. Alla facilità di accesso, fa riscontro l'aumento del volume del bagagliaio rispetto alla precedente Superb: la capienza è ora di 565 litri (oltre 85 litri più della precedente), che diventano 1.670 litri con il sedile posteriore ribaltato. E' previsto nelle versioni più ricche anche un ulteriore scomparto sotto il piano di carico, sopra la ruota di scorta, oltre ai consueti ganci ed occhielli.

PIATTAFORMA DI GOLF, PASSAT E OCTAVIA
Altra novità rispetto alla precedente Superb è la piattaforma di base: come la Passat e la Octavia, anche la nuova berlina ceca è derivata fondamentalmente dai moduli costruttivi della Volkswagen, con trattamenti differenziati delle lamiere per garantire resistenza agli urti e abbassamento del peso (che parte da 1.425 kg, poco più della prima Superb). Rispetto alla Golf, comunque, compaiono alcune novità: ad esempio, l'asse anteriore con sospensioni McPherson, con bracci trasversali triangolari, è posizionato nel corpo in alluminio, mentre l'asse posteriore è collegato alla carrozzeria con particolari silent block (metallo e gomma), in grado di migliorare il comfort generale, insieme ai finestrini più spessi (4,85 mm) e altri sistemi di isolamento e ammortizzazione. Nel complesso, comunque, il "tuning" del telaio è stato concepito per garantire in modo bilanciato comfort e agilità; il rollio è contenuto grazie alla taratura degli elementi meccanici, e lo sterzo elettromeccanico è stato rivisto per ottenere una migliore risposta. Da notare come la nuova Superb "travalichi" i segmenti tradizionali: ha elementi basati su quelli di una segmento C (Golf), ha come concorrenti per prezzo e posizionamento vetture del segmento D (Passat), ma dimensioni di auto del segmento E.

EQUIPAGGIAMENTI E SICUREZZA
Trattandosi dell'ammiraglia di Skoda, la Superb dispone ovviamente di numerosi accessori, dando priorità a quelli riguardanti la sicurezza: il controllo elettronico di stabilità ESP è di serie su tutta la gamma, così come gli airbag lato guida, lato passeggero, laterali, per la testa e per le ginocchia anteriori. E' disponibile per la prima volta su una vettura del gruppo tedesco l'AFS (Adaptive Frontlight System), cioè il sistema di fari bi-xeno adattivi, con alcune funzionalità aggiuntive, ossia la regolazione automatica del cono di luce anteriore in base alla velocità e alle condizioni atmosferiche: se piove, ad esempio, il fascio di luce viene sollevato per evitare il riflesso del manto stradale. L'attenzione per il dettaglio si spinge oltre: sul bordo superiore dei fari è serigrafata la scritta "Superb", particolare che comparirà sulle altre vetture del marchio. Altra novità per Skoda è il Parking Assistant System, già visto su altre Volkswagen: si preme un pulsante, si inserisce la retromarcia e, se lo spazio è sufficiente, la Superb parcheggia da sola.

MOTORI BY VOLKSWAGEN
Al momento del lancio, la nuova Superb sarà disponibile con quattro motori già noti all'interno del gruppo. I motori a benzina sono due, entrambi a iniezione diretta: il quattro cilindri 1.4 TSI da 125 CV, con coppia di 200 Nm disponibile tra 1.500 e 4.000 giri (201 km/h, da 0 a 100 km/h in 10,5 secondi, consumo medio 6,6 litri per 100 km, emissioni CO2 157 g/km) e il più potente 1.8 TSI da 160 CV (coppia massima di 250 Nm, da 0 a 100 km/h in 8,6 secondi, consumo medio 7,6 litri per 100 km, emissioni CO2 180 g/km).
I due diesel provengono, invece, da generazioni differenti: il 2.0 TDI PD 140 CV ha il sistema a iniettore-pompa (coppia massima di 320 Nm, velocità massima di 207 km/h, da 0 a 100 km/h in 10,2 secondi, consumo medio 5,9 litri per 100 km, emissioni CO2 155 g/km), ed è peraltro stato oggetto di interventi acustici per diminuire il rumore di funzionamento; il 2.0 TDI 170 CV ha invece il nuovo (per Volkswagen) sistema ad iniezione diretta Common Rail (coppia massima di 350 Nm da 1.750 a 2.500 giri/min., velocità massima di 222 km/h, da 0 a 100 km/h in 8,8 secondi, consumo medio 6,0 litri per 100 km, emissioni CO2 159 g/km). Tutti i motori a gasolio hanno filtro anti-particolato di serie.
Più avanti, nel corso dell'anno, arriverà la motorizzazione al top della gamma Superb: il nuovo 3.6 FSI V6 da 260 CV, con coppia di massima di 350 Nm tra 2.500 e 5.000 giri, consumo medio di 10 litri per 100 km, 238 g/km di emissioni di CO2; la Superb con il 6 cilindri accelera da 0 a 100 km/h in 6,5 secondi, e raggiunge i 250 km/h.
I motori a 4 cilindri hanno trasmissione meccanica di serie, mentre le 2.0 TDI sono disponibili anche con il cambio a innesti diretti e doppia frizione DSG a 6 marce; per la 1.8 TSI è prevista invece l'opzione del nuovo DSG a 7 marce. Inoltre, le TDI con cambio manuale potranno essere equipaggiate con la trazione 4x4, alla fine dell'anno; la 3.6 FSI avrà invece il solo DSG a 6 rapporti, e la trazione integrale permanente con frizione Haldex di quarta generazione. In altri mercati, c'è anche una versione a gasolio "di ingresso", con il classico 1.9 TDI da 105 CV.

TRE LIVELLI DI ALLESTIMENTO
Per il mercato italiano, la nuova Superb prevede tre livelli di allestimento: Comfort, Ambition ed Elegance; l'allestimento Comfort non è disponibile con il motore 2.0 TDI, mentre manca un allestimento Ambition od Elegance con il 1.4 TSI. Tra gli equipaggiamenti di serie delle versioni Ambition ed Elegance troviamo, ad esempio, il Light Assistant con funzione Coming Home, Tunnel Light e Day Light, i già citati airbag, l' allarme volumetrico con sirena supplementare, il climatronic, l'ESP con ulteriori ausili elettronici per l'assistenza alla guida; il regolatore di velocità, il sensore di parcheggio posteriore, il sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici. In più, un classico della Superb: l'ombrello con alloggiamento nella portiera posteriore sinistra.

PREZZI
I prezzi chiavi in mano dichiarati dalla Casa partono da circa 21.840 euro per la 1.4 TSI Comfort e arrivano a 33.990 euro per la 2.0 TDI Elegance DSG FAP. La nuova Superb sarà disponibile soltanto dal mese di settembre; in questi giorni, comunque, la vettura è visibile in anteprima durante il giro d'Italia ciclistico, essendo utilizzata come "VIP shuttle", ed esposta nelle tappe di partenza e di arrivo di ogni tappa della corsa.

Scegli Versione

Autore: Sergio Chierici

Tag: Novità , Skoda


Top