dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 17 maggio 2008

Audi A3 TDI Clubsport Quattro

Quando il Diesel ruggisce

Audi A3 TDI Clubsport Quattro
Galleria fotografica - Audi A3 TDI Clubsport QuattroGalleria fotografica - Audi A3 TDI Clubsport Quattro
  • Audi A3 TDI Clubsport Quattro - anteprima 1
  • Audi A3 TDI Clubsport Quattro - anteprima 2
  • Audi A3 TDI Clubsport Quattro - anteprima 3
  • Audi A3 TDI Clubsport Quattro - anteprima 4
  • Audi A3 TDI Clubsport Quattro - anteprima 5
  • Audi A3 TDI Clubsport Quattro - anteprima 6

Dalla sua introduzione, nel 1989, il motore TDI prodotto dal Gruppo Volkswagen, Audi ha profondamente segnato il destino produttivo delle vetture del gruppo. Questo propulsore, prodotto in svariati livelli di potenza e prestazioni, è oggi punto di riferimento del mercato (equipaggia vetture dei marchi Audi, Volkswagen, Seat e Skoda): generoso nella potenza e nella coppia, parco nei consumi, affidabile nella durata, è un indiscusso protagonista nelle scelte d'acquisto a tutti i livelli della segmentazione di mercato, dalla Lupo TDI 3L all'Audi A8, dalla Skoda Fabia alla Volkswagen Phaeton.

EVOLUZIONE SPORTIVA
Ma forse il miglior motivo d'orgoglio per il progetto "TDI" (quello che ogni motore vorrebbe possedere e che a livello di mera strategia di marketing, costituisce una "leva" straordinaria) è senza dubbio il suo ingresso nell'affascinante ed eterea dimensione delle competizioni. Nel 2006, infatti, questo motore in versione 12 cilindri da 5,5 litri è diventato il cavallo di battaglia della comunicazione sportiva Audi, avendo piazzato un risultato epocale: la vittoria nella gara simbolo delle competizioni automobilistiche di ieri, oggi e domani, la gloriosa 24 Ore di Le Mans. L'Audi V10 TDI con filtro antiparticolato ha vinto quella straordinaria edizione e si è replicata l'anno seguente (senza dimenticare che le cinque edizioni precedenti erano state tutte consecutivamente dominate dalla R8 con motore a benzina). Tale è stato il richiamo generato da questo risultato da aver convinto anche Peugeot a portare in pista il suo motore HDI sulla nuova 908, auto il cui potenziale emerge con un ritmo incalzante a ogni competizione.

A3, TURBODIESEL, SPORTIVA
Il motore TDI, dopo essere assurto al nobile rango di "motore da corsa" per le competizioni, negli ultimi tempi è nuovamente sceso sulla terra portando con sé quell'immagine ultra sportiva che, fino a oggi, ha "vestito" solo i motori a benzina: quel poderoso 12 cilindri, infatti, è stato montato sulla Q7 V12 TDI - regolarmente a listino - e sulla R8 TDI Le Mans, una concept esotica e mistica presentata al Naias di Detroit di gennaio. Non meno eclatante, nell'ambito di questa strategia di ridefinizione del concetto di sportività utilizzando il Diesel, è stata la recente introduzione della TT TDI, primo esempio al mondo di coupé sportiva in grande serie con motore a gasolio.

I tempi, a questo punto della storia, sono pronti, con un ritmo a dir poco frenetico, per un nuovo capitolo: si chiama "clubsport" ed è un termine che gli appassionati più rigorosi sono avvezzi a sentire pronunciare nelle stanze della passione Porsche (i pacchetti "Clubsport" per le versioni alleggerite di 968, 911 3.2, 993 3.8, 996 GT2 sono noti). Prende forma nei volumi di uno dei modelli più fortunati della produzione Audi, la A3, reginetta della categoria Premium del segmento C. Si chiama A3 TDI Clubsport Quattro e promette di creare attorno a sé grande sensazione grazie alle sue caratteristiche davvero estreme.

Questa sconcertante concept sarà presentata tra pochi giorni in Austria in occasione dell'annuale Lake Wörther Tour che si tiene in Carinzia. Si presenterà alla kermesse verniciata in una sfavillante tinta rosso-bianca (omaggio alla bandiera austriaca), con un grande "8" serigrafato sulle fiancate, corrispondente all'anno 2008.

ESTETICA
Vistosa oltre ogni ragionevole dubbio, la A3 TDI Clubsport quattro si palesa come una specie di "figlia" di un'auto DTM. Passaruota vistosamente allargati con nuovi profili ad arco con brugole a guisa di rivetti in stile Porsche 993 GT2; grandi "fauci" anteriori poste ai lati della grande mascherina anteriore single-frame che seguono in toto la corrente stilistica degli ultimi tempi (Lambo Murcielago e Gallardo, Ferrari 430 Scuderia, Porsche Cayenne Turbo e Audi Q7 V12 TDI), più che esagerato spoiler posteriore, minacciosi scarichi posteriori di grandi dimensioni, corpo vettura abbassato di 36 mm, cerchi da 20 pollici con pneumatici da 265 mm. Difficile riuscire ad andare oltre l'aggressività che le è stata donata.

MECCANICA
Il classico 4 cilindri in linea TDI con iniezione diretta Common Rail del gasolio, 1.968 cc, distribuzione bialbero e 16 valvole, è stato significativamente preparato per portare il suo nuovo picco di potenza dagli attuali 170 CV al nuovo limite di 224 CV (nuovo sistema di aspirazione, turbo compressore a geometria variabile ottimizzato, nuova elettronica). Il valore di coppia massima è ora pari a 450 Nm, disponibili già a 1.750 giri. Naturalmente, questo propulsore ad alto tasso di sportività rispetta pienamente le emissioni stabilite dalla normativa antinquinamento Euro5.
Il motore è collegato a un cambio meccanico manuale a 6 marce e alla conosciuta trazione integrale quattro che equipaggia il modello A3. Ha la sua caratteristica principale nel sistema Haldex, una frizione a dischi multipli sistemata sull'asse posteriore che, in ogni caso di necessità, trasmette forza di trazione alle ruote posteriori.

TELAIO
Il corpo vettura della A3 Clubsport è stato, come accennato, abbassato di 36 mm. Le sospensioni sono state irrobustite e irrigidite e ora hanno una minore escursione. All'anteriore, inoltre, i montanti McPherson poggiano su un telaio ausiliario in alluminio. Lo sterzo, servoassistito mediante un meccanismo elettromeccanico, è stato notevolmente migliorato nella precisione. L'impianto frenante consta di dischi in carboceramica con quelli anteriori caratterizzati da un diametro di 365 mm e coadiuvati da pinze a sei pompanti.
All'apice della preparazione della vettura di posiziona il sistema Audi Drive Select che permette, tramite un pulsante di scegliere la configurazione ottimale per lo stile di guida che si desidera tenerec, con anche qualche parziale possibilità di intervento manuale sui "settaggi" (modalità Individual). Naturalmente non mancano i principali dispositivi di aiuto attivo alla guida come ABS ed ESP.

ABITACOLO
Aggressiva all'esterno, aggressiva (e coinvolgente) all'interno, ideale per ricreare l'atmosfera di un'Audi esageratamente sportiva, anche se con un motore Turbodiesel. La A3 Clubsport esibisce un abitacolo fortemente caratterizzato: sedili sportivi molto profilati, leva del cambio con griglia a selettori, come sulla coupé R8, pulsante d'accensione sulla razza del volante, volante con parte inferiore piatta e in alluminio.

PRESTAZIONI
La A3 Clubsport quattro scatta da 0 a 100 in 6,6 secondi e tocca 240 km/h. L'Audi S3, insomma, ha una nuova sorella con cui condividere l'ebbrezza della massima sportività a bordo di un'Audi A3.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Prototipi e Concept , Audi


Top