dalla Home

Tuning

pubblicato il 12 maggio 2008

Cheetah Continuation Collectible

Il ritorno della mitica avversaria delle Cobra

Cheetah Continuation Collectible
Galleria fotografica - Cheetah Continuation CollectibleGalleria fotografica - Cheetah Continuation Collectible
  • Cheetah Continuation Collectible  - anteprima 1
  • Cheetah Continuation Collectible  - anteprima 2
  • Cheetah Continuation Collectible  - anteprima 3
  • Cheetah Continuation Collectible  - anteprima 4
  • Cheetah Continuation Collectible  - anteprima 5
  • Cheetah Continuation Collectible  - anteprima 6

Negli anni Sessanta l'automobilismo sportivo americano aveva il suo "gigante ammazzasette": le invincibili Cobra create da Carroll Shelby. Il sogno di un certo Bill Thomas era proprio questo: costruire un'auto che fosse lo spauracchio delle potenti e leggere auto di Shelby, così da creare un nuovo leader della scena motoristica americana.

Il sogno divenne realtà grazie alla Cheetah, la creatura che Thomas creò grazie all'aiuto di due esperti, Don Edmunds e Don Borth. Da subito, pur prodotta in piccoli numeri, l'auto divenne estremamente competitiva nelle corse (la stagione di corse del 1964 fu un successo epocale) e cominciò a diventare una vera dream-car anche in versione stradale, ammirata e invidiata in ogni angolo dell'America.
Ma il destino beffardo aveva in serbo una brutta sorpresa: Chevrolet presto cessò la sua collaborazione e un rovinoso incendio distrusse la fabbrica, decretando la fine prematura di questo piccolo costruttore e appena 23 esemplari complessivamente prodotti (dei quali uno solo in versione roadster, un gioiello di rarità).
Ma ormai "il dado era tratto" e la passione e l'entusiasmo accesi in moltissimi estimatori della piccola factory non lasciarono mai spegnere quella pur nascosta possibilità di dare una risposta alla domanda: "cosa sarebbe potuto accadere alla Cheetah"?

RINASCE UN'AUTENTICA CHEETAH
Bill Thomas non ha autorizzato la produzione di una replicante, come accade oggi con le innumerevoli riproposizioni di Cobra, Ford GT40 o Lotus Seven. La Cheetah Continuation Collectible, infatti, riprende l'attività esattamente dove questa si era bruscamente interrotta per riaccendere il fuoco della passione in chi attendeva, da anni, che la Cheetah tornasse a "graffiare" l'asfalto. Così, nel 2006, in Arizona, il mito Cheetah è rinato a nuova vita.

Il concetto, le caratteristiche, il progetto della nuova Cheetah sono esattamente i medesimi dell'auto prodotta negli anni Sessanta: telaio tubolare di grande robustezza, motore Ford V8 tipo 350, cambio meccanico manuale a 4 marce, trazione posteriore, sospensioni a doppi triangoli, carrozzeria in fibra di vetro (il peso complessivo è di circa 700 kg). Le uniche (doverose e necessarie) modifiche effettuate hanno riguardato l'aderenza agli standard di sicurezza moderna.

La nuova Cheetah è in vendita a un prezzo di 99.500 dollari americani, pari a poco meno di 65.000 euro.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Tuning


Top