dalla Home

Motorsport

pubblicato il 2 maggio 2008

L'altra Mille Miglia

È quella "ufficiosa" delle supercar e degli appassionati al seguito

L'altra Mille Miglia
Galleria fotografica - L'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguitoGalleria fotografica - L'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito
  • L\'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito - anteprima 1
  • L\'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito - anteprima 2
  • L\'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito - anteprima 3
  • L\'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito - anteprima 4
  • L\'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito - anteprima 5
  • L\'altra Mille Miglia - supercar e appassionati al seguito - anteprima 6

Siete appassionati di belle auto, soprattutto sportive e moderne e un po' meno di vetture classiche? Eccovi una dritta per godere della visione di molte supercar di oggi e di qualche anno fa, insospettabilmente mescolate alle favolose auto d'epoca che corrono la Mille Miglia.

Dell'attuale Mille Miglia rievocativa si è detto quasi tutto: dei suoi plurivincitori semi-professionisti, delle fantastiche vetture uniche al mondo, dei facoltosi collezionisti che si sottopongono alla massacrante Brescia-Roma-Brescia, dei giapponesi che salutano felici dal finestrino della loro Ferrari, dei VIP fotografati alla partenza e quasi mai all'arrivo...

Pochi sanno, però, che esiste un'altra Mille Miglia (per così dire, ufficiosa) che si corre negli stessi giorni di maggio e sulle stesse strade di quella vera. È la Mille Miglia di quegli equipaggi "fai da te" che, pur non iscritti ufficialmente alla gara, decidono di aggregarsi all'evento principale e di seguirne il percorso mescolandosi ai partecipanti. Risulta più facile vederli sulle statali e nei passaggi più panoramici, molto più raramente nei centri storici dove stentano a superare il servizio di controllo.

Ci sono i rappresentanti dei media che tallonano i concorrenti più veloci a bordo di favolose supercar, i responsabili delle Case automobilistiche che sfoggiano la più recente produzione, i manager delle ditte sponsor che seguono il titolare a bordo di auto d'epoca degne di un museo.

A questi si aggiungono i mezzi dell'assistenza tecnica (sempre veloce, quasi sempre velocissima), i parenti e gli amici dei concorrenti e poi il grosso delle presenze: appassionati desiderosi di guidare per più di 1.600 km (o per poche miglia) sulle più belle strade d'Italia e fra le più affascinanti vetture della storia. Si tratta per la maggior parte di fanatici tedeschi, francesi, svizzeri e olandesi, oltre a numerosi italiani in cerca di avventura.

Dalla Fiat 500 alla Lamborghini Gallardo, passando per Porsche 356, 911, Ferrari 612 e 430, senza tralasciare Aston Martin, Mercedes-Benz, Bentley, Austin Healey, Morgan, MG e Lotus. Alcuni di questi sfoggiano fantasiosi adesivi "1000 miglia" più o meno maldestramente contraffatti pur di seguire al meglio il percorso di gara e le medie elevate delle storiche in "bagarre".

Per descrivere l'importanza del fenomeno, più delle parole servono le immagini, tratte dalle ultime edizioni. Scegliete voi il vincitore di questa "altra mille miglia": i candidati li trovate qui ritratti, in piena azione o durante una meritata sosta lungo il percorso!

Non sappiamo se nell'edizione di quest'anno, sotto la nuova gestione MAC Events e in programma dal 15 al 18 maggio prossimi, ci sarà lo stesso assembramento di folli cultori della Mille Miglia, ma vale la pena piazzarsi sul bordo della strada e veder passare il colorito corteo.

Autore:

Tag: Motorsport , rally , VIP , auto storiche , raduni , piloti , mille miglia


Top