dalla Home

Tuning

pubblicato il 2 maggio 2008

Superformance GT40

Celebra gli 85 anni di Carroll Shelby e la vittoria a Le Mans nel ‘66

Superformance GT40
Galleria fotografica - Superformance GT40Galleria fotografica - Superformance GT40
  • Superformance GT40 - anteprima 1
  • Superformance GT40 - anteprima 2
  • Superformance GT40 - anteprima 3
  • Superformance GT40 - anteprima 4
  • Superformance GT40 - anteprima 5
  • Superformance GT40 - anteprima 6

Tra i miti americani dell'automobilismo si può contare su innumerevoli punte di diamante che hanno fatto grande la storia delle sportive di alto rango. Sotto le "solite" luci della ribalta rese ancora più note dalla televisione troviamo alcuni celebri esempi: c'è la Corvette, la Cadillac Eldorado, la Ford T, la Ford Mustang (e quella di Steve "Bullit" McQueen), le Chaparral di Jim Hall, il Generale Lee di Hazzard, la Ford Torino di Stursky e Hutch... e c'è la Ford GT40, oggi una delle massime espressioni del motorismo d'Oltreoceano, grandiosa su strada, imbattibile in circuito, artefice del crollo del dominio Ferrari nelle corse negli Anni 60. Di lei si ricorda, soprattutto, la tripletta conquistata alla 24 Ore di Le Mans del '66: primo, secondo e terzo posto. Oggi, questo gioiello raccoglie i frutti delle sue fatiche prendendosi il lusso di non passare di mano in mano se non a cifre folli, un giusto "premio" per tutto quello che ha saputo rappresentare per l'automobilismo mondiale.

LE REPLICANTI
Ma c'è di più. Tale è la sua importanza, il suo carisma, il suo fascino, che oggi è una delle auto più replicate al mondo. Tanto che alla fine, ha "ceduto" anche la stessa Ford e ha messo in cantiere una replicante ufficiale, la Ford GT, somigliante in tutto e per tutto alla sua progenitrice. In giro per il mondo, invece, piccoli costruttori continuano a realizzare con il contagocce, repliche autorizzate di questa fantastica auto: utilizzando le stesse tecniche di produzione dell'epoca e senza cambiare una virgola al progetto originale, nascono (o rinascono) esemplari della GT40 precise all'originale: stupende, emozionanti e difficili da portare, esattamente come l'autentica.

PERFORMANCE GT40
Superformance è una delle più attive in questo ambito. Grazie al "permesso" ufficiale concesso da Carroll Shelby Licensing Inc. produce repliche della AC Cobra e della Cobra Daytona.
L'ultima sua creazione è una GT40 commemorativa molto speciale: reca il logo Shelby e si pregia di celebrare gli 85 anni di Carroll Shelby e la vittoria di Le Mans del '66. Verrà costruita in soli 85 esemplari, disponibili in tre colorazioni, Arcadian Blu, nero e rosso, e personalizzata con serigrafie ad hoc.

Creata attorno a un robusto telaio d'acciaio la cui unica concessione alla modernità è dato dall'accurato metodo di assemblaggio, la GT40 della Superformance è una supercar entusiasmante e grandiosa, prodotta quasi interamente a mano. Nel vano motore posteriore può essere ospitato qualsiasi propulsore chieda il cliente, anche se il "top" è il motore Shelby 8 cilindri da 427 pollici cubici.

L'assetto è costruito su sospensioni a bracci ineguali, molle H&R, ammortizzatori Bilstein, freni con dischi da 320 mm con pinze a 4 pistoni, ruote da 15 pollici e pneumatici da 225/50 all'anteriore e 275/60 al posteriore. La Superformance GT40, infine, dichiara un peso di 1.080 kg. Naturalmente, non ci sono sistemi di sicurezza attiva installati: la guida al volante di quest'auto è qualcosa di puro e genuino come difficilmente si riesce a concepire.

Chi avrebbe mai il coraggio di definirsi "vero" appassionato e rinunciare a una Lamborghini Gallardo, a una Ferrari F430, a una Porsche 997 Turbo per acquistare un simile gioiello di passione e artigianalità? Certo, le doti di guida e di sacrificio al comfort per riuscire a cogliere tutto il suo sapore dovrebbero essere non comuni! Ma, probabilmente, l'appagamento raggiunto sarebbe indescrivibile.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Tuning , Ford , serie speciali , le mans


Top