dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 29 aprile 2008

Aston Martin: una supercar nel suo futuro?

V12 sovralimentato, 700 Cv: le visioni di un designer olandese

Aston Martin: una supercar nel suo futuro?
Galleria fotografica - Una Aston Martin supercar?Galleria fotografica - Una Aston Martin supercar?
  • Una Aston Martin supercar? - anteprima 1
  • Una Aston Martin supercar? - anteprima 2
  • Una Aston Martin supercar? - anteprima 3
  • Una Aston Martin supercar? - anteprima 4
  • Una Aston Martin supercar? - anteprima 5
  • Una Aston Martin supercar? - anteprima 6

Dall'uscita della galassia Ford, Aston Martin ha dato un grintoso ritmo alla sua attività: prima la DBS, poi la V12 Vantage RS Concept (che recentemente è stata approvata per la produzione in serie), quindi il restyling della DB9, tra qualche mese sarà la volta della DBS Convertibile e, l'anno prossimo, il segmento delle berline-coupé saluterà l'arrivo della sua regina: la grandiosa Rapide, che di questi tempi viene sovente sorpresa in giro per l'Europa durante i suoi test, segno che lo sviluppo procede spedito. I risultati si vedono anche nelle corse: la Lola - Aston Martin motorizzata con il V12 di 6 litri della DBR9 è appena nata ma già si allena da campionessa.

Difficile, in questo contesto, non provare a sognare ulteriori grandiosi progetti che potrebbero prendere corpo. Basti pensare alla presenza, sulla scena mondiale, di un parterre di dream car che si contendono il primato assoluto nei desideri degli appassionati: Ferrari Enzo, Maserati Mc12, Mercedesl SLR McLaren, Koenigsegg CCR, Lamborghini Reventon, Bugatti Veyron, Gumpert Apollo, Pagani Zonda e Porsche Carrera GT.

Perché non dare spazio, allora, anche a una super Aston Martin dalle prestazioni imbarazzanti? Effettivamente, ogni tanto si odono voci in tal senso: ci sarebbe, a tal proposito, un progetto per una berlinetta Aston Martin con una versione sovralimentata del V12 di 6 litri della DB9, con un picco di potenza intorno ai 700 Cv. Da queste più che scarne informazioni il designer olandese Sabino Leerentveld ha elaborato la sua personale visione di come potrebbe essere questa esoticissima coupé.

Ci aggiungiamo noi: da questo rendering si potrebbe anche elaborare una versione barchetta, erede della gloriosa DBR 2 che vinse la 24 Ore di Le Mans del '59.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Anticipazioni , Aston Martin


Top