dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 29 aprile 2008

Un codice etico per la sicurezza stradale

In Lussemburgo lanciato lo slogan: "grazie di essere simpatico"

Un codice etico per la sicurezza stradale

Il dissidio tra automobilisti e pedoni non conosce confini. Mentre in Italia di fronte all'alto tasso di incidentalità dei pedoni sulla strada l'Aci ha proposto di introdurre l'obbligo di dare sempre il diritto alla precedenza ai pedoni anche se non attraversano sulle strisce, nei paesi del Nord Europa il rispetto reciproco tra le varie categorie degli utenti della strada ha acquistato il carattere di autentica priorità nazionale. Prima il Belgio ha lanciato una campagna di ripartizione delle responsabilità in materia di sicurezza stradale, adesso il Lussemburgo ha varato un'iniziativa molto simile.

Con lo slogan "grazie di essere simpatico" il ministero dei Trasporti ha lanciato una campagna pubblicitaria che sarà oggetto di una vasta serie di spot radiofonici e televisivi e che apparirà sotto forma di manifesti in città e nelle aree di servizio. Il decalogo di comportamento è semplice: evitare di suonare il clacson senza giustificato motivo, rispettare sempre e comunque l'obbligo di dare la precedenza, non parcheggiare sui marciapiedi od in prossimità degli attraversamenti pedonali, rallentare sempre in prossimità di giardini pubblici e scuole, cercare di mantenere sempre la calma.

"Tutti quelli che partecipano alla circolazione stradale devono sapere che stress ed aggressività al volante sono due tra i primi nemici della sicurezza ed è necessario ricordare qualche buona regola per una convivenza maggiormente civile ed armoniosa", ha detto Lucien Lux, ministro lussemburghese ai Trasporti.

L'ispirazione per la stesura del "decalogo etico" è stata tratta da un'inchiesta elaborata nel corso del 2007 dall'Institut Belge pour la Sécurité Routière (IBSR). Un gruppo di esperti della comunicazione aveva rivelato che i comportamenti degli automobilisti più odiati dai pedoni sono la sosta selvaggia, la mancata precedenza concessa sulle strisce pedonali, la velocità di manovra troppo elevata all'interno dei parcheggi e la scarsa attenzione prestata a tutto ciò che accade attorno all'abitacolo. Il pedone, da parte sua, è colpevole di irritare con certi comportamenti chi è al volante, soprattutto quando la strada è invasa dal traffico. L'attraversamento selvaggio della strada è al primo posto, citato da 8 automobilisti su 10.

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top