dalla Home

Test

pubblicato il 10 febbraio 2018

Dossier #perchécomprarla

Audi A8, perché comprarla… e perché no

L'ammiraglia tedesca è un concentrato di tecnologia e si guida bene grazie alle ruote posteriori sterzanti. Ma tanti accessori si pagano a parte

Galleria fotografica - Nuova Audi A8Galleria fotografica - Nuova Audi A8
  • Nuova Audi A8 - anteprima 1
  • Nuova Audi A8 - anteprima 2
  • Nuova Audi A8 - anteprima 3
  • Nuova Audi A8 - anteprima 4
  • Nuova Audi A8 - anteprima 5
  • Nuova Audi A8 - anteprima 6

Mettetevi nei panni di uno chauffeur e pensate alla nuova Audi A8. Vi piacerebbe guidarla come auto di lavoro o ne avreste “paura”? L’ammiraglia tedesca infatti è la prima auto in vendita dotata delle tecnologie per la guida assistita del livello 3, che permettono al guidatore di alzare le mani dal volante e leggere ad esempio un libro se la strada è composta da due corsie (separate da una barriera rigida) e fino alla velocità di 60 km/h. Questa tecnologia però non è ancora disponibile né in Italia né in molti altri paesi al mondo. Finché non lo sarà gli chauffeur non dovranno preoccuparsi: oggi la A8 è il posto migliore in cui lavorare. Perché ha tantissima tecnologia, è confortevole solo come le ammiraglie sanno essere e si guida anche facilmente, a dispetto della lunghezza che può essere di 5,17 o 5,30 metri.

Pregi e difetti

In realtà il punto di vista dello chauffeur non è quello principale, visto che a godersi la A8 saranno i passeggeri posteriori, che hanno a disposizione sedili massaggianti e refrigerati, due grossi tablet per la multimedialità e spazio per le ginocchia da prima classe. Il posto guida non è meno comodo, anche se prima di sentirsi davvero a proprio agio al suo interno è meglio conoscere a fondo tutte le funzionalità del sistema multimediale: i due grossi schermi a sfioramento sono assai scenografici, ma non è facile orientarsi nei vari menù e sottomenù. I pannelli inoltre trattengono le ditate e quindi vanno puliti regolarmente. La A8 è molto curata e ha ogni genere di optional, che fanno però lievitare il già salato prezzo d’acquisto: basti sapere che si possono avere un impianto stereo da oltre 7.000 euro e rivestimenti in pelle da quasi 17.000 euro.

Quanto costa

Detto che il prezzo di quest’auto lo “fanno” gli optional, la A8 parte da 93.800 euro con il motore diesel 3.0 da 286 CV e supera i 103.000 euro con il benzina 3.0 da 340 CV. Per tutte sono compresi nel prezzo il cambio automatico a 8 marce, la trazione integrale e un impianto elettrico supplementare, in grado cioè di alimentare un piccolo motore elettrico a quello principale tramite una cinghia: svolge le funzioni di motorino d’avviamento e alternatore per ricaricare la batteria a 48 Volt durante le decelerazioni. Il sistema ibrido permette di migliorare le percorrenze, che nel corso della nostra prova si sono attestate a circa 6 l/100 km in città e 7-8 l/100 km in autostrada. Compresi nel prezzo della A8 meno “costosa” ci sono le ruote da 18”, i fari a led, l’head up display, la strumentazione digitale e l’assistente al parcheggio anteriore e posteriore.

Scheda Versione

Audi A8
Nome
A8
Anno
2017
Tipo
Premium
Segmento
lusso
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Audi


Top