dalla Home

Attualità

pubblicato il 23 aprile 2008

Think, ritorno negli USA

L'utilitaria elettrica norvegese sarà commercializzata in California dal 2009

Think, ritorno negli USA
Galleria fotografica - Think, ritorno negli USAGalleria fotografica - Think, ritorno negli USA
  • Think, ritorno negli USA - anteprima 1
  • Think, ritorno negli USA - anteprima 2
  • Think, ritorno negli USA - anteprima 3
  • Think, ritorno negli USA - anteprima 4
  • Think, ritorno negli USA - anteprima 5
  • Think, ritorno negli USA - anteprima 6

A quasi sei anni dall'addio la Think, la piccola auto elettrica norvegese, torna negli Stati Uniti. Grazie alla scommessa di due venture capital, Kleiner Perkins e RockPort Capital, la società scandinava avrà una filiale americana a Pasadena, in California, cuore pulsante dell'industria automobilistica ma anche motore dei movimenti ambientalisti e di gruppi pressione che chiedono a Washington di firmare il protocollo di Kyoto".

La Think è una delle poche auto elettriche al mondo ad essere stata sottoposta al crash test e autorizzata a circolare in autostrada. L'ideale per mercati come quello californiano dove saranno avviati importanti test dimostrativi". Secondo Wilber James, direttore di RockPort Capital Partners " la mobilità ha bisogno di una svolta radicale. Nei prossimi anni la richiesta di soluzioni sostenibili costringerà l'industria a trovare nuove soluzione, tra le quali quelle a zero emissioni". Vedremo come sarà questo ritorno negli Usa , dopo che il gruppo Ford aveva abbandonato il progetto in fretta a furia in seguito ad una modifica a una legge che imponeva ai produttori di commercializzare un certo numero di veicoli a basso impatto ambientale.

In quegli anni il fallimento delle vetture elettriche, tra cui la EV1 della Gm, determinò profondo scetticismo nella tecnologia che a causa delle scarsa autonomia delle batterie si dimostrò poco affidabile. Stavolta le condizioni ci sono tutte, anche le alleanze strategiche con il colosso americano General Electric e con i produttori di batterie A123 e EnerDel annunciate durante l'ultimo Salone di Ginevra, grazie alle quali saranno sviluppate le pile agli ioni di litio. Nei piani del marchio norvegese c'è anche una vettura a cinque posti il cui arrivo è previsto nel 2010. Le vendite in America cominceranno nel 2009 mentre in Europa le operazioni di lancio sono già state avviate in diversi paesi tra cui l'Inghilterra. Certo il prezzo non è dei più abbordabili: 25 mila euro in Novegia.

[ Via ->H2Roma.org ]

Autore: Davide Barcarelli

Tag: Attualità , auto elettrica


Top