dalla Home

Attualità

pubblicato il 31 gennaio 2018

BlaBlaCar arriva sotto casa

La piattaforma di car pooling annuncia un nuovo algoritmo che incrocia gli itinerari di conducente e potenziali passeggeri

BlaBlaCar arriva sotto casa
Galleria fotografica - Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 PicassoGalleria fotografica - Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso
  • Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso - anteprima 1
  • Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso - anteprima 2
  • Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso - anteprima 3
  • Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso - anteprima 4
  • Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso - anteprima 5
  • Il carpooling secondo noi con la Citroen C3 Picasso - anteprima 6

Dopo car2go che con Moovenda ti porta casa un amico, BlaBlaCar, la piattaforma di condivisione dei viaggi fra privati che nel maggio scorso ha raggiunto i 5 anni di vita in Italia e circa 2,5 milioni di utenti, si evolve in direzione del door-to-door. In pratica sta per essere lanciato un nuovo algoritmo che riesce a incrociare gli itinerari degli offerenti con le richieste di chi cerca un passaggio, in modo da non dover costringere più il guidatore di turno a indicare i punti di "contatto" e i passeggeri a recarsi presso stazioni o snodi di traffico come i caselli autostradali o autogrill. Un problema, quest'utlimo, sentito soprattutto per chi ha la necessità di partire o arrivare in centri più piccoli.

Indicazioni più precise

Ora il nuovo algoritmo chiede ai passeggeri che cercano uno "strappo" di inserire i punti precisi da dove vogliono partire e dove arrivare, mentre il conducente inserirà solamente il suo tragitto. Ci penserà il sistema a elaborare eventuali alternative di itinerari e poi restituire a conducente e passeggeri la combinazione migliore. Al conducente verranno così proposte una serie di deviazioni di pochi minuti per raccogliere i passeggeri e a questi ultimi, nei limiti del possibile, verranno evitati lunghi spostamenti per raggiungere il conducente.

Un nuovo logo

Un sistema che è stato reso possibile anche dall’aumento esponenziale degli utenti che ogni venerdì si trasformano in circa 6.000 punti di ritrovo, sparsi sempre più capillarmente sul territorio Italiano. Lo stesso è accaduto negli altri Paesi dove il servizio è presente, tanto da spingere i vertici a elaborare qualcosa che assomigliasse sempre di più al passaggio porta a porta. Fra le altre novità che stanno interessando BlaBlaCar anche il lancio del nuovo logo elaborato in collaborazione con lo studio londinese koto che mira a trasmettere il concetto di "connessione" tanto caro al nuovo "corso" del servizio.

Carpooling, la prova di OmniAuto.it con BlaBlaCar

Il carpooling è sempre più diffuso in Italia. Con Andrea lo abbiamo provato coinvolgendo due utenti di BlaBlaCar. Il viaggio lo abbiamo fatto con una Citroen C3 Picasso Exclusive Cinema... ed ecco com'è andata!

Autore:

Tag: Attualità , car pooling , car sharing


Top