dalla Home

Curiosità

pubblicato il 23 gennaio 2018

Chris Bangle: "Le auto di oggi sono tutte uguali"

L’ex n°1 del design di BMW critica la mancanza di coraggio e di innovazione

Chris Bangle: "Le auto di oggi sono tutte uguali"
Galleria fotografica - Le auto di Chris BangleGalleria fotografica - Le auto di Chris Bangle
  • Chris Bangle - anteprima 1
  • Chris Bangle - anteprima 2
  • Chris Bangle - anteprima 3
  • Chris Bangle - anteprima 4
  • Chris Bangle - anteprima 5
  • Chris Bangle - anteprima 6

Il lavoro di Chris Bangle si ama o si odia. Ciò che ha fatto in BMW (dopo aver lavorato in Opel, Fiat e Alfa Romeo) tra la fine degli anni Novanta e l’inizio dei Duemila non contempla mezze misure: qualcuno dice che abbia innovato il marchio, costringendo la concorrenza a inseguire, almeno su alcune soluzioni; c’è chi invece ha organizzato una petizione online per farlo licenziare.

Una vita per il design

In ogni caso, il californiano non lavora più in BMW dal 2009 e, nel frattempo, ha fondato la società di consulenza (nel campo del design, ovviamente) Chris Bangle Associates, nel cuore delle Langhe, in Piemonte. La sua azienda annovera clienti di prestigio quali Bosch, Samsung, Samsung Mobile, Alcantara, Siemens, Adidas, Microsoft, Mahindra e tanti altri. L’attività di Bangle non è più, dunque, al 100% automobilistica, ma le auto gli piacciono ancora. Anzi, non gli piacciono per niente, almeno quelle moderne.

Col suo REDS va controcorrente

Il motivo? “C’è una sorta di porto sicuro all’interno del quale tutti i marchi si sono rifugiati ed è per questo che le auto di oggi sembrano tutte uguali”, ha detto ai colleghi di Automotive News, chiedendo in pratica alle Case auto uno sforzo verso l'innovazione. Parole forti, ma che trovano “giustificazione” non solo nel suo passato ma anche nel presente: il veicolo elettrico REDS, disegnato per la cinese Hi-Tech Group e destinato al commuting urbano nelle megalopoli cinesi (nella foto grande) lo dimostra benissimo.

Autore:

Tag: Curiosità , auto cinesi


Top