dalla Home

Curiosità

pubblicato il 18 gennaio 2018

Auto a km 0, occasioni anche su Internet

Online vetture immatricolate dai concessionari con sconti fino al 30%. Hanno pochissimi chilometri, ma occhio alla garanzia

Auto a km 0, occasioni anche su Internet

Già da tempo le auto a km 0 hanno conquistato gli italiani, tanto da non aver neppure bisogno di presentazioni. Lo sanno tutti; queste vetture sono già state immatricolate dai concessionari (più o meno hanno tutte un centinaio di chilometri) e per il cliente sono in pronta consegna. Si tratta di autoimmatricolazioni a nome delle concessionarie (di fatto veicoli destinati alla rivendita al cliente finale). Il vantaggio? Uno sconto rispetto al prezzo di listino intero della stessa macchina (motore, allestimento, optional) che oscilla fra il 20 e il 30%. Il consumatore ne è, giustamente, attirato. Secondo Federauto (Federazione concessionarie), infatti, se nel 2017 in Italia ci sono state 1.970.497 immatricolazioni e un incremento del +7,9% rispetto al 2016, occorre considerare due fattori: le forti promozioni di Case e reti e l’incidenza delle auto a km 0, stimata a circa il 15% del totale venduto l’anno scorso.

Diversi canali

Sono diversi i canali per valutare l’acquisto di una km 0. Fra questi, c’è anche il web; solo per citare un esempio, il sito the-hurry.com nella sezione km 0 garantisce un risparmio fino al 44%. Per ogni vettura c’è una scheda descrittiva con tutte le informazioni relative a caratteristiche dell'auto, dotazioni, optional e concessionaria in cui è situata: il venditore resta sempre fondamentale. Qui si perfeziona l’acquisto. In rosso, sul sito, viene evidenziato il prezzo di vendita della km 0 in pronta consegna; in nero, il prezzo del modello identico ma nuovo. Chiaramente, è possibile ottenere uno sconto anche sul nuovo in concessionaria. Entrano poi in gioco altri fattori, come un eventuale finanziamento o una possibile permuta di un usato.

Pro e contro

Al di là del prezzo e della pronta consegna, che sono due grossi vantaggi, esistono anche criticità legate alla km 0. Anzitutto, si porta a casa una macchina non nuova: questo, dopo anni, incide sulla rivendibilità e sul valore dell’usato. Per prassi, inoltre, i due anni di garanzia scattano dalla prima immatricolazione, ossia da quando la concessionaria si è autoimmatricolata la vettura: comunque, i venditori possono anche allungare la garanzia.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , incentivi


Top