dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 9 gennaio 2018

Dossier CES Las Vegas 2018

Toyota e-Palette concept, il trasporto del futuro al CES

A Las Vegas il colosso giapponese presenta un particolare mezzo di trasporto modulare e tecnologico

Toyota e-Palette concept, il trasporto del futuro al CES
Galleria fotografica - Toyota e-Palette conceptGalleria fotografica - Toyota e-Palette concept
  • Toyota e-Palette concept - anteprima 1
  • Toyota e-Palette concept - anteprima 2
  • Toyota e-Palette concept - anteprima 3
  • Toyota e-Palette concept - anteprima 4
  • Toyota e-Palette concept - anteprima 5
  • Toyota e-Palette concept - anteprima 6

In futuro i costruttori auto si trasformeranno e diventeranno sempre più fornitori di servizi di mobilità, collaborando con altre aziende per offrire soluzioni su misura per le differenti necessità. Una trasformazione necessaria per la sopravvivenza e che al CES 2018 ha le forme del Toyota e-Palette Concept, futuristico prototipo per trasporto di cose e persone, naturalmente elettrico, naturalmente a guida autonoma (di Livello 5). Un prototipo che rientra nella e-Palette Alliance, alleanza che vede Toyota legata ad altre aziende come Amazon, DiDi, Mazda, Pizza Hut e Uber. 

Trasporto Open Source

A guardarlo il Toyota e-Palette Concept non fa certo emozionare per le sue forme particolarmente sexy: è un parallelepipedo su ruote disponibile in 3 differenti lunghezze (minimo 4 massimo 7 metri), ma attenzione a sottovalutarlo. Si perché prima di tutto si basa su una piattaforma tutta nuova (MSPF – Mobility Services Platform) con hardware e software personalizzabili a seconda dell’utilizzo. Se, ad esempio, l’e-palette viene utilizzato da Uber come mezzo di trasporto persone, l’abitacolo sarà sistemato in una determinata maniera e il cervellone elettronico seguirà determinate procedure. Se invece fosse marchiato Amazon e utilizzato per consegnare pacchi, in quel caso interno e software sarebbero ottimizzati per svolgere al meglio il nuovo compito. Come avviene già nel mondo dei software quindi il Toyota e-Palette sarà Open Source, offrendo la possibilità di personalizzarlo non solo esteticamente, ma anche (e soprattutto) dal punto di vista delle logiche di utilizzo.

Uno per tutti

La natura Open Source del Toyota e-Palette si basa anche su una non esclusività del mezzo: in futuro infatti potrà essere che lo stesso e-Palette servirà, nel corso delle 24 ore, differenti aziende, cambiando in un batter d’occhio i propri parametri di funzionamento. Il limite di personalizzazione è la fantasia: l’interno infatti può ospitare una camera d’albergo, un ristorante, un chiosco di street food e così via. Una serie di primi test verrà effettuata in differenti nazioni, compresi gli Stati Uniti (dove, proprio a Las Vegas, è già in fase di sperimentazione un servizio simile), ad inizio 2020, con la speranza di arrivare preparati per il 25 agosto 2020, data di inizio dei Giochi paralimpici estivi di Tokyo. "Stiamo sviluppando soluzioni di mobilità per aiutare tutti a godersi la vita, e stiamo facendo la nostra parte per creare una società sempre migliore per i prossimi 100 anni e oltre. Questo annuncio segna un importante passo avanti nella nostra evoluzione verso la mobilità sostenibile, dimostrando la nostra continua espansione oltre le auto e gli autocarri tradizionali alla creazione di nuovi valori, compresi i servizi per i clienti" ha commentato Akio Toyoda, presidente della Casa giapponese

toyota-e-palette-video

Al CES di Las Vegas 2018 Toyota presenta l'e-Palette Concept, prototipo di mezzo elettrico e a guida autonoma per trasporto persone e merci.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Toyota , auto giapponesi , guida autonoma


Top