dalla Home

Tecnologia

pubblicato il 8 gennaio 2018

Dossier CES Las Vegas 2018

Le Volkswagen guidate dall’intelligenza artificiale

Annunciato, al CES di Las Vegas, un accordo con NVIDIA, leader mondiale dell’AI

Le Volkswagen guidate dall’intelligenza artificiale
Galleria fotografica - Volkswagen I.D. Crozz IIGalleria fotografica - Volkswagen I.D. Crozz II
  • Volkswagen I.D. Crozz II - anteprima 1
  • Volkswagen I.D. Crozz II - anteprima 2
  • Volkswagen I.D. Crozz II - anteprima 3
  • Volkswagen I.D. Crozz II - anteprima 4
  • Volkswagen I.D. Crozz II - anteprima 5
  • Volkswagen I.D. Crozz II - anteprima 6

Prepariamoci perché da oggi, e per i prossimi giorni del Consumer Electronic Show, di annunci di questo genere ne arriveranno tantissimi. In questo caso si tratta dell’accordo tra Volkswagen e NVIDIA per lo studio e lo sviluppo delle tecnologie necessarie all’implementazione della guida autonoma sui veicoli del futuro. Punto centrale di tutto è l’intelligenza artificiale, capace di prendere le decisioni in autonomia e, cosa non da poco, di apprendere dalla realtà, cioè dalle esperienze “vissute” direttamente e da quelle condivise dagli altri veicoli dotati dei medesimi sistemi.

Drive IX per l’I.D. Buzz

Quello scritto qui sopra non è un codice fiscale, ma il nome della tecnologia di NVIDA che farà da base alla guida autonoma; la seconda parte, cioè I.D. Buzz, non è nuova per gli appassionati di automobili, perché si tratta del concept da cui VW ricaverà (nel 2022) la versione di serie del “Bulli” elettrico. Un veicolo 100% elettrico e 100% iconico, non “solo” perché richiama il modello storico della Casa tedesca, ma anche perché concentra in sé tutto quello che ci si aspetta dalle macchine del futuro: trazione elettrica e guida autonoma, appunto, ma anche interconnessione con gli altri veicoli e con l’infrastruttura. Il tutto, accessibile ai più e non solo per pochi eletti.

La famiglia I.D. di Volkswagen

I.D. Buzz - Bulli, se preferite - fa parte della famiglia I.D. di Volkswagen (insieme ai concept I.D. e I.D. Crozz) che a partire dal 2020 inizierà a moltiplicarsi, per arrivare, già nel 2025, a 20 modelli 100% elettrici. Ognuno di questi si baserà sulla piattaforma MEB, concepita fin dall’inizio per l’auto elettrica e connessa: ecco dunque che il motore è miniaturizzato, mentre il pacco batterie è posizionato sotto il pavimento dell’abitacolo, all’interno degli assi, per abbassare il più possibile il baricentro e massimizzare la sicurezza in caso di impatto. MEB, tra le altre cose, significa anche head-up display con realtà aumentata, interni altamente variabili nella configurazione in base ai modelli e, ancor prima di giungere alla guida autonoma al 100%, sistemi di assistenza alla guida tra i più avanzati disponibili sul mercato.

Galleria fotografica - Volkswagen Showcar I.D. BUZZGalleria fotografica - Volkswagen Showcar I.D. BUZZ
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 1
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 2
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 3
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 4
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 5
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 6

Autore:

Tag: Tecnologia , Volkswagen , auto europee , guida autonoma


Top