dalla Home

Curiosità

pubblicato il 3 gennaio 2018

Nissan collega il cervello alla guida autonoma

Coi segnali della mente il Brain-to-Vehicle promette una guida "ancora più emozionante e godibile"

Nissan collega il cervello alla guida autonoma
Galleria fotografica - Nissan Brain-to-VehicleGalleria fotografica - Nissan Brain-to-Vehicle
  • Nissan Brain-to-Vehicle - anteprima 1
  • Nissan Brain-to-Vehicle - anteprima 2
  • Nissan Brain-to-Vehicle - anteprima 3
  • Nissan Brain-to-Vehicle - anteprima 4
  • Nissan Brain-to-Vehicle - anteprima 5
  • Nissan Brain-to-Vehicle - anteprima 6

La rivoluzione della guida autonoma passerà attraverso l'interazione con il cervello dei conducenti. Questo è l'obiettivo prefissato da Nissan che oggi ha presentato un progetto di ricerca riguardante l'interazione uomo-macchina in merito al futuro delle quattro ruote. Nell'ambito della propria visione chiamata "Nissan Intelligent Mobility", la casa di Yokohama ha svelato quella che viene definita Nissan Brain-to-Vehicle (o B2V), una tecnologia che consentirà di ridurre i tempi di reazione dei conducenti ed al contempo porterà alla realizzazione di veicoli auto adattivi. Di cosa si tratta? Di un'applicazione delle tecnologie di decodifica dell'attività cerebrale nel mondo automotive.

Due ambiti di intervento

Analizzando le modalità di azione della tecnologia B2V, Nissan ha sottolineato come si svilupperà attraverso due ambiti distinti:
➤ Previsione:
nel momento in cui il conducente si appresterà a compiere un movimento come una sterzata, una frenata, o una accelerazione, la tecnologia rileverà il segnale fatto partire dal cervello. A quel punto, i sistemi di assistenza alla guida si attiveranno con un tempo stimato di anticipo variabile tra i due ed i cinque decimi, assistendo la guida manuale.
➤ Rilevazione:
in modalità automatica, l'intelligenza artificiale sarà in grado di rilevare e valutare il livello di comfort del conducente adattandosi - qualora lo ritenesse necessario - in termini di stile di guida. 

Presentazione al CES di Las Vegas

“Quando si parla di guida autonoma, quasi tutti pensano a un futuro molto impersonale, in cui gli esseri umani delegano il controllo ai veicoli. Invece la tecnologia B2V va esattamente nella direzione opposta, perché sfrutta i segnali del nostro cervello per rendere la guida ancora più emozionante e godibile”, ha spiegato Daniele Schillaci, Executive Vice President di Nissan. Il progetto vedrà la sua prima vera dimostrazione pratica durante il Salone della Tecnologia, il CES di Las Vegas, in programma dal 7 al 12 Gennaio.

Nissan Brain-to-Vehicle

Nissan Brain-to-Vehicle: la casa di Yokohama ha presentato la sua visione della guida autonoma del futuro.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Nissan , sicurezza stradale , guida autonoma , auto giapponesi


Top